Salmone in ghisa con insalata di cavolo nero Ricetta

Sai che è vero: tutto ha un sapore migliore quando viene cotto in una padella di ghisa. Ciò è particolarmente vero per questo salmone facile e perfettamente tenero; la superficie antiaderente della padella e la sua superba capacità di condurre il calore in modo uniforme ne fanno lo strumento perfetto per il lavoro. Abbinata a un’insalata di facile soluzione rapida, questa ricetta è una delle nostre cene serali infrasettimanali super veloci e salutari preferite.



Perché questa cena al salmone è così buona per te

Siamo tutti a bordo del Salmon Fans Express? Se non hai sentito, il salmone ha una vasta gamma di benefici per la salute. Grazie alla sua abbondanza di acidi grassi omega-3, il salmone può aiutare a prevenire o ridurre gli effetti di malattie cardiovascolari, cancro, Alzheimer e artrite. È anche ricco di vitamina B-12, che mantiene il cervello in forma e ti aiuta a sentirti energico. Inoltre, questo salmone viene servito su un letto di cavolo riccio ricco di vitamine e sostanze nutritive che viene tossito con una vinaigrette leggera, che offre un grande sapore senza molti grassi o calorie extra.



Come scegliere il miglior salmone

Sia che tu stia visitando il tuo mercato del pesce locale o passeggiando per il corridoio del congelatore al negozio di alimentari, ci sono un sacco di opzioni là fuori quando si tratta di salmone. Freschi, surgelati, d’allevamento, selvatici, filetti, contorni e porzioni di coda – oh mio!


Prima di essere sopraffatto da tutte le scelte, fermati e fai un respiro profondo: il miglior salmone per te è ciò che ha senso per il tuo portafoglio. Certo, puoi pagare un sacco di dollari per il salmone selvaggio dell’Alaska. Puoi anche pagare meno per il salmone atlantico d’allevamento congelato. E questo è perfettamente OK. Scegli quello che funziona per il tuo budget e non preoccuparti di acquistarlo congelato: c’è una buona scommessa che qualsiasi salmone non congelato che trovi al negozio era, fino a poco tempo, molto congelato.



Senza pelle vs. Filetti con la pelle

Ci sono persone là fuori che amano mangiare la pelle di salmone croccante; Non sono uno di loro. Per questa ricetta, tuttavia, utilizzare i filetti con la pelle ti dà un vantaggio in più quando si tratta di cucinare.


Inizi questi filetti con la pelle rivolta verso il basso; la pelle aggiunge un ulteriore strato di isolamento, proteggendo il filetto dalla caduta e rendendolo più facile da girare. Se non riesci a trovare i filetti con la pelle, non preoccuparti: usa un po’ di olio in più e prenditi cura con la spatola quando arriva il momento di girare il pesce.


Se sei ancora incerto per la pelle del salmone, non preoccuparti: è facile da sbucciare e rimuovere dopo la cottura.



Come cucinare il salmone in una padella di ghisa

Cucinare il salmone (o qualsiasi altro pesce, se è per questo) è semplicissimo quando usi una padella di ghisa. Inizia aggiungendo un po’ d’olio nella padella, quindi mettila in forno per preriscaldarla come fai quando prepari il pane di mais.


Quando la padella è bella calda, trasferiscila sul fornello a fuoco alto e aggiungi altro olio e il salmone con la pelle rivolta verso il basso. AVVISO DI SICUREZZA: Ricorda che il manico della padella è caldo come il fuoco! Quando uso questo metodo (e lo faccio spesso), cucinerò con un guanto da forno su una mano per assicurarmi di non afferrare il manico della padella calda. Non fa mai male stare attenti, giusto?


Bene, torniamo alla cottura: Cuocere il pesce, senza disturbarlo, fino a quando il fondo non sarà dorato, croccante e i filetti si staccheranno facilmente dalla padella quando sollevati delicatamente con una spatola, da 3 a 5 minuti. Girare con cura il pesce, quindi infornare la padella fino a quando il salmone non sarà cotto, circa 5 minuti in più.



Come pulire la tua padella in ghisa

A rischio di incitare una rivolta, ho intenzione di esprimere un’opinione che fa arrabbiare le nonne del sud più che parlare in chiesa: dopo aver cucinato il pesce nella mia padella di ghisa, io (sorso) pulisco la mia padella con un minuscolo – e io significa minuscolo: quantità di (non posso credere di ammetterlo!) sapone. Chiamalo un trattino, un suggerimento, un puntino: in pratica mi sporgo sul lavandino e sussurro la parola “sapone” nella mia padella.


I puristi diranno di NON MAI MAI, sotto la minaccia della dannazione eterna, mettere il sapone sulla tua padella. E fidati, ho capito. Ma proprio come aggiungere un pizzico di zucchero al tuo pane di mais non dovrebbe offuscare il tuo pedigree meridionale, lo stesso vale per spazzare via la tua padella con le poche bolle di sapone. Se la tua padella è ben condita, non le farà male. E impedirà al tuo futuro lotto di brownies in padella di avere il sapore delle crocchette di salmone. Mi dispiace, ma sei il benvenuto.

Leave a Comment