Risotto ai porri e crescione

ingredienti

  • 2 cucchiai di olio d’oliva
  • 2 porri grandi, mondati e tagliati a fettine sottili
  • 1 litro di brodo vegetale
  • 80 g di crescione
  • 40 g di foglie di spinaci
  • Mazzo (30 g) di prezzemolo
  • 30 g di mandorle salate, più l’altra, tritata grossolanamente, per guarnire
  • 5 cucchiai di olio extravergine d’oliva, più extra per servire
  • Spremere ½ limone
  • 200 g di risotto (arborio o carnaroli)
  • 100 ml di vino bianco

Metodo

  1. Scaldare l’olio d’oliva in una pentola capiente a fuoco medio, quindi aggiungere i porri e un pizzico di sale. Cuocere per 6 minuti, mescolando di tanto in tanto, fino a quando non si ammorbidisce.
  2. Nel frattempo, versate il brodo in una casseruola a parte e fatelo scaldare fino a quando non avrà raggiunto il bollore. Mettere da parte qualche rametto di crescione per guarnire, quindi mettere il resto in un robot da cucina con gli spinaci, il prezzemolo, le mandorle e l’olio extravergine di oliva. Sbattere fino a formare una pasta grossolana, raschiando i lati secondo necessità. Aggiungere un cucchiaio di brodo per ammorbidire, quindi aggiungere il succo di limone. Accantonare.
  3. Unite il riso ai porri, alzate leggermente la fiamma e mescolate per ricoprire il riso nell’olio e tostare leggermente i chicchi. Sfumate con il vino, fate sobbollire e mescolate fino a quando non sarà quasi completamente ridotto, quindi aggiungete un mestolo di brodo. Mescolate continuamente il riso fino a quando non avrà assorbito tutto il brodo, poi ripetete questo procedimento, un mestolo alla volta, finché il riso non sarà tenero ma con un leggero morso al centro. Potrebbe non essere necessario utilizzare tutto il brodo: inizia ad assaggiare quando ti rimangono circa 200 ml di brodo. Questo dovrebbe richiedere circa 15-20 minuti.
  4. Versare la purea verde nel riso, mescolare per incorporare, quindi togliere dal fuoco e lasciare riposare per 5 minuti. Condire a piacere, dividere nei piatti da portata e guarnire con rametti di crescione, mandorle e un filo d’olio extravergine d’oliva.

delizioso. Consigli

  1. La maggior parte delle ricette di risotti richiede arborio o carnaroli, le due varietà più comuni di risotto. Il carnaroli è generalmente considerato superiore, tuttavia, poiché contiene più amido, risultando in una consistenza più cremosa e setosa. Tuttavia, è più costoso. Arborio ti offre un risotto leggermente più denso e robusto, ma la differenza di sapore tra i due è trascurabile (anche se gli italiani potrebbero non essere d’accordo con noi qui!).

Iscriviti alla nostra rivista

Iscriviti a delizioso. rivista a META’ PREZZO

sottoscrivi

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricco di idee per menu, ricette, ultimi concorsi e altro ancora…