Recuperare la gioia di cucinare per una folla

Una versione di questo post è apparsa originariamente il 22 ottobre 2022 nella newsletter di Stephanie Wu, “Dall’editore”, una carrellata delle notizie e delle storie più vitali nel mondo del cibo. Leggi gli archivi e Iscriviti ora.


Ho passato lo scorso fine settimana a casa di un amico nello stato di New York. Prima della nostra visita, ha posto una domanda: “Qual è un piatto che volevi fare?” Sono abituato alle gite in città pianificate attorno a nuovi ristoranti e, sebbene sia una persona che cucina di rado, l’idea di pianificare un fine settimana attorno ai pasti cucinati in casa che avremmo fatto tutti insieme mi ha sorprendentemente allettante.

Siamo arrivati ​​a due ricette che avevo aggiunto ai segnalibri qualche tempo fa: la salsa di vodka di Grossy Pelosi e i biscotti Tandem Coffee Roasters. Avevo provato entrambi in precedenza e non ero completamente soddisfatto dei risultati; Spero che cucinando insieme alla mia amica più esperta Mary, avrei raccolto alcuni suggerimenti e mi sarei sentito più sicuro la prossima volta. Per il resto del menu, abbiamo esaminato gli ingredienti che avevamo già a portata di mano – i pancake per consumare il latticello, ad esempio – e abbiamo scelto altri piatti che richiedevano un tempo minimo di preparazione, dal momento che non volevamo spendere tutto il nostro tempo in cucina. Il marito di Mary, Dillon, ha preso l’iniziativa per assicurarsi che avessimo alcune proteine ​​da abbinare ai nostri carboidrati. Ed ero per lo più eccitato all’idea di farmi strada tra un cibo confortevole e accogliente per un intero fine settimana.

Ecco come ha sbalordito il nostro menù del weekend:

Un tavolo bianco con più piatti, tra cui pasta, pane, insalata, carote e pollo.

La pasta con salsa di vodka era la star, ma l’abbiamo completata con pane all’aglio, insalata Caesar e altri lati.
Stephanie Wu/Mangiatrice

Un vassoio di biscotti sul fuoco accanto a una pentola di sugo di salsiccia con dentro un mestolo.

Biscotti e salsa di salsiccia per il brunch.
Stephanie Wu/Mangiatrice

Sabato colazione: frittelle, frutta e pancetta

Pranzo: panini da un ristorante nella vicina Roxbury

Cena: pasta alla vodka, cotolette di pollo fritto, insalata Caesar e pane all’aglio

Dessert: S’mores

Brunch domenicale: Biscotti con salsa di salsiccia

Abbiamo apportato alcune modifiche lungo la strada: abbiamo deciso di saltare il nostro piano pranzo originale a base di formaggio grigliato e zuppa di pomodoro e prendere cibo mentre passeggiavamo per la città. E abbiamo scartato la nostra ambizione di cuocere una torta per dessert a favore degli s’mores molto più discreti, perché non è una vacanza se non puoi scegliere di essere pigro all’ultimo minuto.

Il viaggio è stato memorabile in tanti modi; è stata la prima volta che ho avuto la fortuna di fare un viaggio notturno quando le foglie erano nei loro colori di picco autunnale. Ma quello che ricorderò per i viaggi futuri è quanto sia stato divertente pianificare in modo collaborativo un menu, uno che incorpori una lista dei desideri di ricette con cucinare insieme (e imparare da) gli amici, e costruire sui piatti preferiti dell’altro per mettere insieme un fine settimana di pasti. Abbiamo preso quello che spesso può sembrare un lavoretto di un viaggio di gruppo – dar da mangiare a una folla – e l’abbiamo trasformato in qualcosa che valeva la pena aspettare.

Di seguito, come sempre, troverai alcune delle mie letture preferite delle ultime due settimane.

Su Mangiatore

Illustrazione di un vassoio con diversi schermi di smartphone con foto di cibo visibili su un lato e cibi diversi sull'altro.  Al centro del vassoio c'è un cavo del tubo di alimentazione.

Felicia Liang/Mangiatrice

Alice Wong scrive di (riscoprendo) la gioia del cibo mentre è su un sondino.

Adoro questa insalata di Via Carota, ma devo ammettere che preferirei pagarla al ristorante piuttosto che provarla da solo.

Dove trovare ciambelle al sidro di mele nella zona di Washington e in Oregon.

In che modo la nostra ossessione per gli ordini fuori menu e l’hacking delle app di cibo sta influenzando i lavoratori dei ristoranti.

Il ricettario di Star Trek è stato creato per i fan più ferventi, ma non è all’altezza quando si tratta di ispirare la cucina vera e propria, scrive Rachel P. Kreiter.

Il prossimo ristorante di Alon Shaya sarà situato sulla Strip di Las Vegas.

Un piatto di dolci indiani.

Diwali è spesso contrassegnato da dessert.
Jack X. Li/Mangiatore Chicago

In onore del weekend di Diwali, Eater Chicago ha parlato con gli chef di tutto il paese dell’evoluzione dei dolci dell’Asia meridionale, noti anche come mithai.

Lo chef per matrimoni più richiesto della California meridionale è noto per le sue elaborate creme spalmabili e le specialità indiane.

Il McDonald’s Boo Bucket non è solo per i bambini, afferma Amy McCarthy. Hai già preso il tuo?

Non è mai un brutto momento per pensare alla torta, che si tratti del Ringraziamento o per una fetta del fine settimana.

Fuori Mangiatore

Nneka M. Okona scrive nel Washington Post su varie iterazioni di spaghetti e su come il piatto sia diventato “l’essenza dell’ingegnosità nera”.

Jennifer Fergesen si immerge in profondità negli aceti filippini come parte del Cronaca di San Francisco Note sul campo dal progetto Asian American Kitchens.

Anche nel cronacail critico Soleil Ho approfondisce se la lavanderia francese vale la pazzia e la folle corsa stressante per le prenotazioni.

Cerca il cocktail di popcorn in un bar vicino a te, tramite la nostra pubblicazione sorella Punch.

Grub Street evidenzia sei modi in cui il COVID ha alterato in modo permanente il panorama del ristorante.

Leave a Comment