Questo multitrattino del Delaware sta aprendo il primo locale per il brunch vegano di Smirne

Nota del redattore: questa storia è apparsa per la prima volta come newsletter insieme a una carrellata dei migliori reportage della settimana di Technical.ly, offerte di lavoro e altro ancora. Iscriviti qui per ricevere aggiornamenti su tecnologia, affari e innovazione del Delaware nella tua casella di posta il giovedì.


Durante la settimana, Genesis Prioleau-Golden lavora come associato senior per la conformità JPMorgan Chase. In fondo, è l’autodefinita “Melanated Martha Stewart”, una chef vegana, autrice di libri di cucina e personaggio televisivo di iSpeak che aprirà il suo nuovo ristorante Smirne, Credici… è vegano, sabato ott. 15.

Fino ad ora, la contea di Kent non aveva ristoranti vegani. Credici… it’s Vegan servirà la colazione fino al pranzo il sabato e la domenica, con un menu specializzato in piatti vegani eclettici. Ciò include cialde di pollo e toast alla francese, foo giovane, po’ boy, sushi e un toast di avocado crudo di 48 ore (il “toast” è fatto con verdure disidratate lentamente), oltre a piatti preferiti come ciotole per frullati, hamburger e burritos — tutto 100% privo di prodotti animali, con alcune offerte prive di ingredienti come glutine, cereali e soia.

Ho avuto modo di provare il pollo vegano e i waffle, ed era gustoso come qualsiasi versione non vegana che abbia mai avuto, forse anche più gustoso, specialmente con il pane tostato francese fatto in casa usato per i waffle che non ha nemmeno bisogno di sciroppo.

La chef Jenesis si è trasferita nel Delaware come studentessa delle scuole medie nel 1992, la sua passione per la cucina e la produzione di birra dall’età di 8 anni.

“Mia nonna Ruby era una maestra fornaia a Chicago”, ha detto Tecnicamente. “Era famosa per le sue torte di patate dolci. Per farla breve, mi sono trasferito in questo meraviglioso mondo della costa orientale e vendevo tre biscotti per un dollaro.

Da giovane, quella che lei chiama una “lista del bucato” di problemi di salute dell’apparato digerente le ha portato a cambiare la sua dieta, prima in pescataria, poi in completamente vegana.

“Il mio obiettivo è mostrare alle persone che sono vegane, com’è l’esperienza in diversi paesi”.

Jenesis Prioleau-Golden, nel suo programma televisivo

“Nella mia formazione, oltre ad essere uno chef, ho un master in giustizia penale da Università di Wilmington,” lei disse. “Ero uno degli investigatori che lavorava su Deepwater Horizon, che è stata la più grande fuoriuscita di petrolio nella storia nazionale. Quindi il pesce non aveva un buon sapore. Quando sono tornato a casa nel Delaware dopo aver visto l’impatto sui pesci, il pesce non aveva ancora un sapore adatto al mio spirito”.

Quando escogita nuove ricette, i suoi colleghi di JPMorgan Chase spesso ottengono il primo assaggio, come la volta in cui la soluzione a una voglia di lasagne – per unire il cavolfiore alla consistenza della ricotta – le è venuta in sogno. Ha funzionato; i suoi colleghi assaggiatori pensavano che fosse vero formaggio.

Ha ottenuto due brevi periodi con “Maestro Cuoco”, anche se non è finita nello show. (Lo chef Gordon Ramsay le piace ancora occasionalmente Instagram post.) Successivamente, Chef Jenesis ha iniziato il suo spettacolo, sul servizio di streaming con sede a Wilmington lanciato di recente iSpeak TV. Lo spettacolo, come il suo libro, si chiama “Carne non consentita”, ed esplora il mangiare vegano in tutto il mondo.

“La TV culinaria è un po’ satura di come cucinare, quindi volevo farlo dove è il viaggio di andare in posti diversi”, ha detto. “Il mio primo episodio è stato in Honduras. È davvero difficile trovare cibo fresco lì. Penseresti che non sarebbe perché è un’isola tropicale, ma è importata, ci vogliono 48 ore per ottenere cibo fresco. Il mio obiettivo è mostrare alle persone che sono vegane, com’è l’esperienza in diversi paesi”.

Lo chef Jenesis fa tutto il lavoro di montaggio e doppiaggio per lo spettacolo, attualmente in cinque episodi. Fare le cose da sola, che si tratti di uno spettacolo o di un ristorante, è qualcosa a cui si è abituata.

“Sto finanziando tutto da solo”, ha detto. “Ci sono stati molti no e molti investitori non credevano nel veganismo nelle aree del basso Delaware. Quindi ho appena detto, sai cosa, questo sarà il mio viaggio. Mi è stato detto che il fallimento non è una brutta cosa. Quindi, anche se qualcosa è un singhiozzo, ci sarà qualcosa nel rivestimento d’argento che funzionerà alla fine”.

L’inaugurazione di Believe it… it’s Vegan, che si trova a 1 N. Main St. a Smirne, prende il via sabato alle 10 con il taglio del nastro. Le porte si aprono a mezzogiorno.

(Grafica di cortesia)

-30-

Leave a Comment