Questo bambino olandese extra spesso è una cena extra confortante durante la settimana

Hangry non aspetta nessuno. Soprattutto non Kendra Vaculin, il nostro editore associato di cibo. In Speedy Does It, la sua rubrica mensile, condivide cene degne di nota che puoi mettere sul tavolo come * schiocchi le dita * in quel modo.

La prima volta che ho avuto un bambino olandese in un ristorante, sono rimasto sbalordito da ciò che è arrivato al tavolo. Estremamente sottile con una crosta esterna gonfia, sembrava un po’ una fetta di pizza napoletana e sembrava, tutto sommato, più un piatto di pane che un piatto principale. Qualcosa è andato terribilmente storto nel processo di cottura? Ho guardato i miei amici e ho scoperto che nessuno di loro era allarmato. Questo, mi dissero, era l’aspetto di un bambino olandese. Cosa mi aspettavo?

La risposta lunga: qualcosa di imponente, crema, ricco e ripieno, con tasche burrose che gocciolavano sul piatto con ogni forchettata rimossa da una fetta simile a una quiche.

La risposta breve: il bambino olandese di mia madre.

Sono cresciuto mangiando una versione molto particolare del bambino olandese a colazione per cena, una pratica comune a casa mia. In particolare il venerdì di Quaresima, quando la carne era fuori e nessuno voleva il pesce, mia madre tirava fuori il frullatore dallo scaffale e sapevamo esattamente cosa stava succedendo.

La ricetta che ha usato proveniva dal capitolo “Uova e formaggio” di un vecchio tramonto ricettario di una rivista, organizzato in modo utile come un grafico che potresti ampliare a seconda di quante persone dovevi sfamare. I rapporti tra burro, uova, latte e farina sono aumentati insieme al recipiente di cottura suggerito, da una padella da 2–3 quarti (3 uova) a 4½–5 quarti (6 uova).

Il suo trucco, che imparai solo anni dopo, era usare una proporzione di ingredienti per una padella di due dimensioni troppo piccola. Il risultato era così denso, a forma di uovo, alto e ben dorato, che poteva resistere alla cena da solo, condito con un po’ di zucchero a velo e sciroppo d’acero, e con un lato di frutta, ovviamente. A differenza del bambino olandese medio, che sbuffa e poi affonda una volta tolto dal forno, il suo cadrebbe a malapena.

Ora non ordino mai bambini olandesi al ristorante e quando la voglia mi colpisce (sempre per la cena, le vecchie abitudini sono dure a morire), ne preparo uno a casa usando invece il tegame di mia madre. Ma spesso gusto la ricetta per renderla più adatta alla mia attuale famiglia, poiché il mio partner non condivide la convinzione che lo zucchero a velo sia un normale condimento per la cena. Questa è stata l’ispirazione per il mio Cheesy Dutch Baby: una meraviglia gonfia e di formaggio con un’insalata di rucola incisiva. Tutto si riunisce in un lampo.

Utilizzerai il tuo frullatore due volte, per creare entrambi i componenti principali. Per prima cosa, unirai gli ingredienti del bambino olandese, iniziando con le uova e finendo con latte e farina per mantenere il composto leggero e soffice. Versalo nel tuo recipiente (troppo piccolo!) insieme a una generosa porzione di cheddar grattugiato e parmigiano, oltre a un sacco di pepe nero. In forno, il pancake si alzerà, diventerà dorato e croccante, creando uno strato simile a un frico sulla parte superiore e tasche salate e di formaggio in tutto il centro spesso e uovo.

Mentre l’olandese cuoce, risciacqua il frullatore e usalo di nuovo per preparare un condimento rapido e alle erbe per un’insalata di rucola, che servirai insieme all’olandese una volta sfornato. Complessivamente, il frullatore farà la maggior parte del lavoro e tu otterrai la maggior parte del merito, per un bambino olandese che torreggia su ogni altra versione che tu abbia mai avuto, nel sapore e nell’altezza.

Cheesey lo fa:

Un Cheddar Dutch Baby servito in una padella di ghisa con salsa verde.
Bambino Olandese Cheesey Con Salsa Verde

Spessa e uovo con una superficie di formaggio rosolata, questa frittella soffiata (così come il condimento per l’insalata di rucola in cima) si riunisce interamente nel frullatore.

Visualizza Ricetta

.

Leave a Comment