Molly Yeh – Intervista a casa è dove sono le uova

Selezioniamo in modo indipendente questi prodotti: se acquisti da uno dei nostri link, potremmo guadagnare una commissione. Tutti i prezzi erano accurati al momento della pubblicazione.

Molly Yeh, autrice di libri di cucina di successo e protagonista di La ragazza incontra la fattoria su Food Network, ha appena pubblicato il suo terzo libro di cucina, La casa è dove sono le uova. Qualche settimana fa, Molly ed io siamo saliti al telefono per parlare del nuovo libro e diciamo che le cose si sono scaldate rapidamente. Letteralmente! Proprio mentre ci stavamo salutando, Molly improvvisamente esclamò: “Oh no! Fuoco!” e prontamente riattaccato. A quanto pare, ero appena stato testimone, tramite telefono, del primo incendio nel forno di Molly Yeh.

Fortunatamente, il fuoco era piccolo e molto facilmente contenuto, quindi siamo stati in grado di riassumere rapidamente la nostra conversazione, incentrata su come le cose erano cambiate dall’uscita del suo primo libro, Molly sulla gamma, nel 2016. In particolare, la sua famiglia di due persone è diventata una famiglia di quattro persone. Lei e suo marito, Nick, ora hanno due figlie, Bernie e Ira. Abbiamo parlato del suo processo per sviluppare un libro di cucina la terza volta, così come di quello che lei e la sua famiglia stanno mangiando in questi giorni, che è davvero il cuore e l’anima di La casa è dove sono le uova.

Wow, stai bene? Quello che è successo?
Stavo solo tirando fuori dal forno il pane con la cannella, e parte del burro e dello zucchero sono gocciolati sul fondo del forno, ed era letteralmente in fiamme!

Oh mio Dio! È così divertente. Stavo per chiederti cosa stavi facendo. Mi è sicuramente successo prima. Quanti fuochi diresti di aver avuto nella tua vita?
Non credo di aver avuto fuochi nel forno! Questa è la prima volta. Ho avuto delle cose sul fornello che sono andate un po’ in tilt, ma mai all’interno del forno dove l’ho aperto e c’erano delle fiamme reali.

Bene, devo dire che sono un po’ onorato di essere una sorta di testimone del tuo primo fuoco di forno! Va bene, quindi so che questo è il tuo terzo libro, ma molte cose sono cambiate nella tua vita negli ultimi anni. Qual è stato il processo di sviluppo della ricetta questa volta?
Sì, Molly sulla gamma riguardava principalmente i grandi cibi celebrativi, i cibi per le feste, come i progetti per il fine settimana e i cibi che avrei fatto solo poche volte all’anno ma che adoro davvero. Si tratta di più cibi che amiamo ogni giorno. Una volta che Bernie è nata e ha iniziato a mangiare cibi solidi, ho capito che queste sono le ricette che voglio avere i nostri pasti in famiglia e colazioni in famiglia e tutto il resto. Perché, onestamente, prima di Bernie, non ero mai una persona che faceva tre pasti al giorno. Vorrei semplicemente fare uno spuntino su qualunque cosa stavo testando la ricetta per il mio blog o libri o cose del genere.

Sei una persona a colazione?
Sì, sono totalmente una persona da colazione. Ma prima di Bernie, vorrei solo prendere un succo verde. Ma ora mi piace sedermi e leggerle un libro e fare qualcosa di un po’ speciale fuori dall’ora della colazione. Durante la pandemia, ho solo affinato i nostri cibi preferiti e le cene a cui torniamo più e più volte. I frullati che tutti amiamo. Il brindisi a cui torniamo e il pane che preparo nel fine settimana.

La differenza principale tra prepararli semplicemente da mangiare, e non farli con l’intenzione di inserirli nel libro, era che ogni volta che ci sedevamo a cena, grigliavo Nick. Che sapore ha? Ha bisogno di più di questo? Ne serve di più? Poi sarei stato sveglio fino a tardi quella notte solo chiedendomi Avrei dovuto farlo in modo leggermente diverso?

C’è! La vita di uno sviluppatore di ricette.
Sai com’è! Il mio cervello era un po’ esagerato ogni volta che ci sedevamo. Dirò che è bello poter semplicemente godersi il cibo e non dover analizzare ogni singolo boccone ora.

Posso immaginare. Diresti che Bernie è un tipo schizzinoso o un mangiatore più aperto e curioso?
È piuttosto esigente. Lei si prende cura di me. Ma allo stesso tempo ci sono cose che lei ama mangiare che non avrei mai mangiato quando avevo la sua età. Come lei ama il salmone, lei ama l’avocado. Lei inala i broccoli!

broccoli? È molto impressionante. Quindi, quali ricette hai cucinato dal libro ultimamente?
Onestamente, questo è davvero il nostro repertorio di famiglia. Come questo fine settimana, dato che finalmente non ci sono 100 gradi a Grand Forks, farò la zuppa di pollo e stelle. Questo è uno dei nostri preferiti. Abbiamo anche una variazione sul Crunchy Asian Slaw tutto il tempo. Bernie adora i potsticker, quindi di solito facciamo i potsticker congelati con quella slaw.

Ho appena ricevuto delle copie reali del libro, ed è così bello ora quando ho bisogno di fare una torta, o qualsiasi altra cosa, che non devo entrare nei miei file e tirarlo fuori questi giganteschi fogli dalla fase di editing. Ora posso solo aprire il libro!

È così carino. E sono curioso di sapere il titolo del libro. Come hai deciso Casa è dove sono le uova?
È una specie di cenno ad alcune cose diverse. È un cenno alle nostre galline e alle loro bellissime uova. I polli stanno invecchiando un po’ adesso. Ne sono rimasti solo pochi, ma sono stati uno dei primi membri della famiglia che abbiamo aggiunto quando ci siamo trasferiti in azienda. È anche un cenno al fatto che il soprannome di Nick per più tempo sul mio blog è stato Egg Boy perché ama le uova.

Il titolo rappresenta proprio questa idea di trasformare una casa in una casa, secondo me, cucinando qualcosa. E può essere semplice come strapazzare un uovo, perché lo fai, e hai l’odore del burro che cuoce, il suono del crepitio e poi ti raduni intorno al tavolo per mangiare insieme. Questo, nella mia mente, è ciò che rende solo uno spazio un luogo dove ci sono ricordi e dove c’è calore, intimità e la sensazione di casa.

Assolutamente. Questo è bello. Cambiando un po’ le marce, mi piace giocare a questo gioco in cui preparo il terreno – come un giorno, un’ora, uno stato d’animo – e poi mi dici cosa suggeriresti di fare dal libro. Quindi, per esempio, è domenica sera. È una di quelle prime fresche serate autunnali. La stagione delle felpe è appena iniziata. Cosa faresti?

E, quindi, quando c’era solo Bernie, e Ira non era ancora nella foto, ogni domenica pomeriggio durante il suo pisolino, io mettevo in moto le scorte e l’odore si diffondeva per tutta la casa. È semplicemente perfetto. Farei un grosso lotto in modo da poter avere anche gli avanzi durante la settimana.

Oh, lo adoro. Bene. Prossimo. È martedì mattina. Sei di fretta. Stai cercando di preparare i bambini per andare a scuola, ma vuoi che mangino qualcosa di sostanzioso prima che escano dalla porta.
Ok, quindi ce ne sono tre. Il primo sono i frullati. Le prime ricette del libro sono tre frullati che amiamo. Siamo tutti grandi bevitori di frullati e tutti e tre hanno verdure segrete mescolate che non puoi assaggiare. Sono tutti davvero buoni e facili da mettere insieme.

Amore che. Va bene, un altro. Stai uscendo con qualcuno di nuovo e non hai ancora cucinato per loro. Vuoi impressionarli con le tue abilità in cucina. Cosa faresti?
Bella questa! Ok, sto cercando di pensare a cosa non è troppo all’aglio, così non hai l’alito cattivo. E, inoltre, niente fagioli. Destra? Non puoi mangiare fagioli.

Sicuramente no. Niente fagioli! Devo dire, però, che non sono contro la pasta. Molte persone sono contrarie alla cartella al primo appuntamento, ma penso che sia un gioco leale.
Sono d’accordo! Ok, vediamo in quale cartella? Oh, oh! Le Pappardelle al Limone Conserve con Pinoli Fritti, Feta e Zucchine esplodono di sapore. È davvero carino ed è casual abbastanza, ma è anche speciale. E puoi semplicemente dire: “Oh, questa vecchia cosa? L’ho appena messo insieme”.

Alto impatto, basso sforzo. Lo adoriamo! Ho sentito da molti autori di libri di cucina che c’è sempre qualcosa che li sorprende durante il processo, non importa quanti libri hanno fatto in passato. Mi chiedevo se c’è qualcosa di cui sei rimasto sorpreso durante il processo di scrittura di questo libro?
Sono stato sorpreso che la parte più gratificante e creativamente appagante di questo libro fosse in realtà tutta la scrittura e le note di testa. In pratica ho interrotto il mio blog; ci è voluto un po’ in secondo piano quando sono diventata mamma, e quando stavo lavorando di più al libro e lavorando di più su La ragazza incontra la fattoria. Quindi era passato un bel po’ di tempo dall’ultima volta che mi ero davvero seduto e avevo veramente scritto qualcosa. Sai come a volte se ti prendi un po’ di tempo libero dal fare qualsiasi cosache sia come allenarsi o glassare le torte, ci torni e ti rendi conto che è stato solo tanto tempo dall’ultima volta che avevi fatto quella cosa? È stato come il primo allenamento dopo aver smesso di allenarsi per alcune settimane, e tu dici “Wow, sono dolorante, ma è davvero bello”.

Posso sicuramente relazionarmi con quello.
È stato davvero un processo che riempie l’anima. Dopo che tutte le ricette sono state testate e in un posto fantastico, vivevo a casa di mio suocero perché stavamo rinnovando la nostra e mi intrappolavo ogni giorno nel seminterrato e mi sedevo sotto una coperta e scrivevo. Ho riscoperto molta voce che sentivo fosse scomparsa da un po’, e ci ho trovato un godimento che non mi rendevo conto che mancava nella mia vita. Ero tipo, wow, questo è un muscolo che non voglio lasciare di nuovo per strada.

Assolutamente. So che come mamma può essere difficile ritagliarsi quel tempo per te stessa. Pensi in questo senso che essere mamma abbia cambiato il tuo modo di cucinare?
Decisamente. Sono tornato all’idea di voler fare cene seduti ogni sera come facevo crescendo. Poi anche la necessità di assicurarsi che questi minuscoli corpi in crescita si nutrano, si entusiasmino per il cibo, provino cose nuove e aiutino in cucina.

Quando eravamo solo io e Nick, Nick arrivava dopo una lunga giornata, e io mi perdevo in una sorta di ricetta di ciambelle per il mio blog, e ci sedevamo e mangiavamo davanti alla TV. Ma ora è come: “No, dovremmo assicurarci che ci sia un pasto ben bilanciato”. Vogliamo che Bernie si ecciti per quello che sta mangiando, e tutti si siedano insieme e si godano davvero la reciproca compagnia.

Bene, immagino che la mia ultima domanda sarebbe per chi diresti che questo libro è per? Lo immaginate specificamente per le famiglie? O diresti che c’è qualcosa per tutti?
È sicuramente per le famiglie, ma non è così avere essere per le famiglie. Queste ricette sono accessibili a cuochi di qualsiasi livello e, se sei impegnato, c’è così tanto qui per te. Si tratta di fare grandi quantità di cose da conservare nel congelatore o di fare una grande casseruola che puoi gustare con gli avanzi del giorno successivo. Certo, ci sono alcune ricette facili e veloci da mangiare tutti i giorni, ma è davvero un mix. Nel complesso, però, questo libro parla davvero di cucinare per le persone con cui ami mangiare e con le quali puoi essere veramente te stesso.

Leave a Comment