L’improbabile modo in cui le cuffie migliorano il sapore dei pasti a bordo

È risaputo che il cibo degli aeroplani non è allettante. Sebbene ci siano molte ragioni per questo, come i pasti prodotti in serie, confezionati e persino riscaldati, molti non sanno che anche l’ambiente determina il suo sapore. I rumori del motore, la pressione dell’abitacolo e l’aria umida possono rendere il sapore del cibo più amaro fino al 10%. Per questo motivo, escludere il clamore degli aerei indossando cuffie con cancellazione del rumore potrebbe rendere più piacevole l’esperienza culinaria in volo.


cambiamento di ambiente

Per molti anni, i professori hanno studiato come l’ambiente influisce sul sapore del cibo, e questo è particolarmente vero nell’aria. Charles Spence è uno psicologo sperimentale del Crossmodal Research Laboratory dell’Università di Oxford nel Regno Unito che studia questo fenomeno dal 2004. Ha scoperto che i rumori e l’ambiente circostante in un aereo svolgono un ruolo enorme nel sapore di cibi e bevande per i passeggeri . Parlando al The Telegraph, ha detto:

VIDEO SEMPLIFICATIVO DEL GIORNO

“La pressione della cabina più bassa, l’aria secca della cabina e il forte rumore del motore contribuiscono tutti alla nostra incapacità di assaggiare e annusare cibi e bevande”.

Entrare in un aereo equivale a un enorme cambiamento di ambiente e influisce prima sul tuo senso dell’olfatto. Ma, man mano che aumenta, le cadute di pressione e l’umidità diventano inferiori al 12%, che è il fattore trainante della maggior parte dei deserti, spiega Future della BBC. Questo è il motivo per cui Spence dice che indossare un paio di cuffie con cancellazione del rumore potrebbe essere “uno dei modi più semplici” per migliorare il sapore del cibo in aereo.

Pasto in volo dell’American Airlines Economy nel 2013. Foto: Getty Images

È nella scienza

In uno studio condotto da Spence, ai volontari è stata data una caramella mou agrodolce e hanno dovuto descrivere il loro gusto quando ascoltavano il tono basso della musica degli ottoni o il tono acuto di un pianoforte. I partecipanti hanno detto che il toffee aveva un sapore amaro quando si ascoltava la musica degli ottoni e più dolce quando si ascoltava il pianoforte. Spence ha detto:

“Gli effetti, va detto, non erano enormi, ma erano abbastanza grandi da fare potenzialmente la differenza per l’esperienza di degustazione mentre si era in aria”.

In un altro studio nel 2004, ai volontari sono stati dati Pringles. I partecipanti hanno affermato che durante l’ascolto di suoni a frequenza più alta, i chip erano più nitidi e freschi rispetto a quelli più stantii e morbidi con suoni a frequenza più bassa. Questo è stato chiamato l’esperimento del “chip sonoro” e ha portato Spence a scoprire di più su come il suono influenza il gusto.

Cosa dicono le compagnie aeree

Nel 2014, British Airways ha preso sul serio la scienza e ha creato una playlist di 13 tracce che i passeggeri possono ascoltare mentre consumano pasti a bordo per le rotte a lungo raggio. La compagnia ha detto ai passeggeri le canzoni nella playlist che avrebbero funzionato con determinati alimenti. Ad esempio, ‘Scream’ di Paolo Nutini ha funzionato meglio con lo Scottish Salmon Starter. O “New Town Velocity” di Johnny Marr con la colazione inglese completa.

Il professor Spence ha detto che nei prossimi anni, “Vedremo molto più interesse per l’abbinamento di musica e paesaggio sonoro a ciò che mangiamo e beviamo”.

Nel 2010, la Lufthansa tedesca ha commissionato al Fraunhofer Institute for Building Physics lo studio delle papille gustative ad alta quota. Lo studio ha utilizzato un laboratorio che riduceva la pressione dell’aria, aspirava l’umidità e riproduceva persino il rumore del motore per dare la sensazione di essere all’interno dell’abitacolo. Lo studio ha rilevato che la secchezza e la bassa pressione hanno ridotto la sensibilità delle papille gustative del 30%.

Bose ha pubblicizzato le sue cuffie con cancellazione del rumore come un modo per superare i voli lunghi. Foto: Bose

Lo studio ha anche scoperto che i sensi dolce e salato sono influenzati principalmente dall’ambiente, ma i sapori acido, amaro e piccante non sono influenzati, motivo per cui alcuni hanno affermato che avere la salsa piccante a portata di mano aiuta con il cibo insipido.

Secondo il direttore della ristorazione e della vendita al dettaglio a bordo di American Airlines, Russ Brown, l’azienda aggiunge sale e spezie extra al suo cibo molto più di quanto farebbe mai un ristorante:

“Il sapore è una combinazione di entrambi e la nostra percezione di salinità e dolcezza diminuisce quando si è all’interno di una cabina pressurizzata… Un condimento adeguato è la chiave per garantire che il cibo abbia un buon sapore nell’aria. Spesso, le ricette vengono modificate con sale o condimento aggiuntivo per tenere conto della cabina atmosfera da pranzo.”

Anche il vino è simile al cibo in volo. Joost Heymeijer, vicepresidente senior della ristorazione a bordo di Emirates, ha dichiarato a Prima:

“Cerchiamo sempre vini con una buona acidità che tendono ad appiattirsi in quota, il che rende il vino più equilibrato durante il volo, come varietà croccanti e agrumate come il riesling e il sauvignon blanc. Serviamo anche vini con caratteristiche forti come il corposo Malbec come spesso mostrano meglio.”

Fonti: Il Telegrafo, Futuro, Prima

Leave a Comment