Le nonnine della pasta: cucinare ogni tipo di comfort

“Posso venire anch’io?” mi viene da dire quando Vicki Bennison, la donna dietro il popolarissimo ed edificante canale YouTube Pasta Grannies, dice che sta per partire per un altro viaggio in Italia.

“Abbiamo avventure, di solito si tratta di perdersi o di essere in coma da carboidrati alla fine della settimana perché abbiamo mangiato così tanta pasta!”

Naturalmente, non si tratta solo di pasta: Pasta Grannies è ospitalità e comfort e una celebrazione delle conoscenze acquisite nel corso della vita.

Come scrive Bennison nel nuovo libro Pasta della nonna: Comfort Food, “l’allegria e la resilienza delle Nonnine della Pasta è fonte di gioia, conforto e ispirazione. Tuttavia, non sono carini. Qui ci sono donne che ricordano il tempo prima che gli antibiotici diventassero ampiamente disponibili, vissero durante la seconda guerra mondiale, dovessero coltivare o cercare cibo prima che potesse essere mangiato… e stanno ancora sorridendo. Conoscono il buon cibo, cucinato da zero, nutre non solo il corpo, ma le nostre emozioni”.

Queste donne – di campagna, di città, timide, chiacchierone – condividono di tutto, dai semplici piatti fatti in tutta Italia alle ricette trovate solo dove vivono. Pasta arrotolata, tagliata, pasta al forno, pasta dolce, pasta salata, pasta fritta (come la primissima ricetta del nuovo libro, Adele’s gattafin, un ravioli fritti, ripieni di verdure, ligure. «Hai l’inizio della primavera [there] – è un’ottima ricetta da fare ora!” Bennison dice quando menzioniamo quanto è bello).

E date le sfide degli ultimi due anni, le nonne italiane (e occasionalmente nonno) che invitano Bennison – e quindi noi – nelle loro cucine nei video YouTube di Pasta Granny hanno fornito non solo intrattenimento e ispirazione per la cena, ma anche conforto.

“La gente mi ferma per strada e dice: ‘Mi hai aiutato a superare la pandemia’. È sempre molto umiliante e frizzante sentirlo dire perché non è essenzialmente lo scopo, ma dico sempre che, sai, le persone vengono per la pasta e rimangono per le nonne – c’è qualcosa di molto confortante e archetipico in un’amata persona anziana che cucina qualcosa di eccezionale cibo”, dice Bennison, parlando da Londra prima di un viaggio in Abruzzo per filmare altre matriarche.

“Quando i tempi si fanno difficili… penso che sia il riconoscimento che questo passerà, in modo che tu possa rimanere e fare un passo indietro. Personalmente penso, questo è ciò che riconosci, che queste donne sono arrivate a 90 anni e hanno attraversato una guerra mondiale e la carenza di cibo, e ora c’è la pandemia. E hanno superato, hanno riconosciuto le difficoltà e il fatto che ci sarà l’altro lato è in qualche modo utile per camminare su se stessi, penso.

Quando Bennison ha aperto il canale nel 2015, voleva scoprire e condividere tutti i diversi tipi di folder made in Italy, ma l’idea si è evoluta ed è cresciuta, come i suoi video di Italian nonno ha attirato un pubblico devoto e felice in tutto il mondo.

“Non sono professionisti. Lo fanno perché sono generosi e vogliono condividere, e questo è proprio quello che hanno sempre fatto, e penso che le persone si colleghino a questo. E davvero, potresti, sai, filmare le nonne persiane. Sarebbe lo stesso, quel meraviglioso tipo di ospitalità e conforto che queste donne hanno imparato nel corso degli anni”.

Il nuovo libro: un sequel del primo Pasta della nonna libro, pubblicato nel 2019, presenta ricette ed episodi che sono stati particolarmente amati dagli oltre due milioni di persone che seguono il canale Pasta Grannies. E mentre c’è ancora molta pasta, ci sono anche altri confortanti graffette, tra cui riso, pizza e pasticcini (come nota Bennison nel libro, cartella significa pasta in italiano) e dolci.

“Ci sono molti ottimi piatti di riso in questo libro. Uno, per esempio, quello di Carla ricco e toci, è uno che amo fare, è uno di quelli standard per la famiglia, in effetti. Ci sono molte regole intorno al risotto e penso che renda le persone ansiose. Quindi, quelli che ho incluso non li hanno. Nella ricetta rici e toci, basta fare uno sformato di pollo, togliere la carne mentre si inzuppa il riso, quindi rimettere la carne alla fine e voilà!

“L’altra che preparo molto alla mia famiglia sono le lasagne agli asparagi. Questo è un ottimo piatto di pasta. Tutte le generazioni lo adorano assolutamente. E se sei a corto di asparagi, puoi ad esempio sbattere alcuni piselli e passarli e anche questo funziona”.

Passiamo a parlare di ricette dolci, tra cui quella in cui i codici QR forniti con ogni ricetta del libro torneranno utili per chi ha voglia di replicare le pieghe plissettate che sigillano Pasta Nonna Maria tortelli dolci di castagne – tortelli dolci al forno ripieni di purea di castagne, cioccolato e marmellata, poi inzuppati nella sapa, uno sciroppo d’uva dolce. (Naturalmente, Maria ha molti anni di pratica. Come sottolinea la ricetta in modo rassicurante, i tortelli avranno ancora lo stesso sapore se crei delle forme a mezzaluna e pizzichi i bordi per chiuderli.)

“Questa è una specialità romagnola. Vive a Faenza e stranamente arriva oggi a Londra con la figlia Graziella per fare una dimostrazione per noi. Bella questa. È davvero bello da fare perché possono congelarsi facilmente e puoi prepararli in anticipo quando c’è un momento di noia a novembre o ogni volta che ne hai voglia. In realtà li preferisco per tritare le torte, oserei dire.

Una ricetta nel libro può essere dolce o salata (entrambe le versioni, dice il libro, vanno cosparse di buon burro): – schupfnudeln, gnocchi di patate dell’Alto Adige arrotolati a mano. “Sì, è carino!” Bennison dice.

La stessa Bennison non ha imparato a cucinare da sua nonna – “Mia nonna? Oh mia parola no, non mi era permesso in cucina. Ma mia mamma era ed è una bravissima cuoca. La mia mamma ha appena festeggiato il suo 90esimo compleanno. E ci ha fatto cucinare in cucina, sia io che mio fratello, in tenera età”.

E in questi giorni, Bennison sta trasmettendo l’amore per la cucina a suo nipote di quattro anni. “Siamo nella fase in cui stiamo solo suonando”.

Il libro, inoltre, riconosce ai lettori di avere diversi livelli di abilità e tempo a disposizione per cucinare.

“Questo libro è un libro in cui spero che le persone si sentano ispirate a realizzare una serie di ricette e non si sentano scoraggiate dall’idea della pasta fresca, perché diamo anche alternative con la pasta secca se le persone lo vogliono. Riconosciamo che ci saranno solo i fine settimana o quando avrai i tuoi amici in giro che farai la pasta fresca. Quindi, si tratta in qualche modo di trovare ispirazione e conforto nella lettura di questo libro… e ci piace il fatto che i codici QR ti riportino alle donne della vita reale, puoi portarle nella tua cucina in quel modo .”

Per chi si sta tuffando nella pasta fatta a mano, la parte anteriore del libro comprende cinque pagine con consigli utili e risposte a domande comuni sulla preparazione della pasta fresca in casa. Nei capitoli che seguono, ogni ricetta ci racconta un po’ della donna che condivide il suo piatto. Come il canale, è sia il cibo che il nonno amerai.

La copertina presenta una citazione dell’attore Stanley Tucci (che una volta ha detto in un’intervista che Pasta Grannies era il suo programma di cucina preferito): “Scalda il cuore e deliziosamente confortante”.

È perfetto.

Immagine da Nonne di pasta: cucina confortevole di Viky Bennison (Hardie Grant Books, prezzo consigliato di $ 45 AUD, disponibile nei negozi a livello nazionale). Fotografia: Lizzie Mayson.

Altro dalle Nonnine della Pasta

.

Leave a Comment