Il cibo come medicina: gli ospedali enfatizzano il gusto, la nutrizione e la scelta | Notizie di affari dell’Arkansas

Non siamo stati in grado di inviare l’articolo.

Con una maggiore enfasi sul gusto e sulla qualità, il cibo ospedaliero sembra perdere la sua reputazione di insipido, sebbene gli effetti collaterali della pandemia di COVID-19, in particolare l’inflazione, pongano sfide al servizio di ristorazione ospedaliero.

Il modello del servizio in camera, in cui i pazienti scelgono i pasti da un menu ospedaliero, sta sostituendo la pratica della consegna del vassoio in cui il paziente non ha voce in capitolo o ha poca voce in capitolo sul suo pasto. In diversi ospedali dell’Arkansas, il passaggio è iniziato tre o quattro anni fa.

La sicurezza alimentare e la nutrizione sono le preoccupazioni principali, ma anche l’attrattiva, la scelta e la varietà sono essenziali, hanno detto i funzionari del servizio di ristorazione dell’ospedale all’Arkansas Business. E quando si tratta di servizi di ristorazione negli ospedali, ciò include opzioni di vendita al dettaglio come caffetterie che servono ospiti e dipendenti fino ai distributori automatici.

S. Il Bernards Medical Center è passato al modello del servizio in camera circa tre anni e mezzo fa, ha affermato Stacy Hindman, direttore dei servizi nutrizionali. “Il mio background è come dietista, quindi per me era importante passare al servizio in camera perché ho visto quanto fosse difficile far mangiare i pazienti, quindi volevo che potessero mangiare quando volevano e mangiare quello che volevano voluto”, ha detto.

La capacità dei pazienti di scegliere il cibo è importante per i loro risultati clinici, ha affermato Mary Rhode, vicepresidente regionale di Sodexo, la società di ospitalità che fornisce servizi di ristorazione a nove ospedali di Baptist Health in Arkansas. Baptist Health nella sola Little Rock serve più di 1 milione di pasti all’anno.

“Quando parlano con il nostro call center e noi li aiutiamo a navigare in quella scelta sulla loro dieta prescritta, li istruiamo sempre su come le diete prescritte hanno aiutato i loro risultati, in modo che possano portarselo a casa”, ha detto . “Io lo chiamo cibo come medicina”.

I numeri coinvolti nella ristorazione sanitaria sono enormi. Secondo un rapporto di marzo di MarketsandMarkets, una società di ricerche di mercato, il mercato statunitense dei servizi di ristorazione sanitaria dovrebbe raggiungere i 22,8 miliardi di dollari entro il 2026 rispetto ai 13,2 miliardi di dollari del 2021. Ciò include cibo per i pazienti e servizi di vendita al dettaglio come mense negli ospedali e centri di assistenza a lungo termine, infermieri e riabilitazione. Nel 2020, il segmento delle strutture per acuti (ospedali) rappresentava la quota maggiore, afferma il rapporto.

Il Medical Center dell’Università dell’Arkansas for Medical Sciences serve circa 10.000 pasti al giorno. Il servizio di ristorazione, che fornisce pasti a pazienti, dipendenti, ospiti, studenti e appaltatori, è costato a UAMS 15,6 milioni di dollari nell’ultimo anno fiscale, terminato il 30 giugno, ha affermato Ricky Iverson, direttore esecutivo dei servizi ai pazienti e dei servizi nutrizionali presso UAMS.

Iverson supervisiona circa 250 dipendenti, di cui 150-160 coinvolti nella ristorazione. “L’obiettivo principale è, ovviamente, prendersi cura dei pazienti”, ha detto. “Questo viene prima.”

Come ha fatto con la maggior parte degli aspetti della vita, la pandemia ha messo alla prova i fornitori di servizi di ristorazione ospedalieri. La quarantena a causa dell’esposizione o della malattia dei dipendenti o di quella della famiglia ha portato a carenza di personale, ha affermato Iverson.

Sebbene le operazioni stiano tornando alla normalità, i problemi della catena di approvvigionamento rimangono un problema, così come fanno con i ristoranti e altri fornitori di cibo.

Ma l’inflazione potrebbe essere la preoccupazione maggiore. In UAMS, gli input per la ristorazione, definiti come costi alimentari e manodopera, sono aumentati dell’8,6% nell’ultimo anno fiscale, ha affermato Iverson. Esempi di alcuni dei maggiori aumenti, confrontando settembre 2021 a settembre 2022, includono uova sgusciate, in aumento del 60,4%; patate fresche, in crescita del 59,6%; e burro e margarina, in aumento del 59,3%.

a S. Bernards, ha detto Hindman, il solo costo del cibo è aumentato del 14% nell’ultimo anno. “Ciò significa che alcune cose sono andate giù, mentre alcune cose sono andate alle stelle”, ha detto. Le cosce di pollo, ad esempio, sono aumentate del 37% negli ultimi quattro anni. “Carne, formaggio, prodotti agricoli: queste sono le cose che sono davvero aumentate nei prezzi”, ha detto Hindman.

S. Bernards si è adattato a una serie di tattiche, tra cui il passaggio a opzioni senza carne, barrette di patate al forno e piatti di pasta. “Ora, in tutto questo, non abbiamo cambiato il menu del nostro paziente, perché il paziente è la cosa più importante”, ha detto.

Ma la pandemia ha anche presentato opportunità, ha affermato Rhode, di Sodexo. In quanto dipendenti licenziati all’inizio dei ristoranti pandemici, Sodexo l’ha considerata come un’opportunità “per attirare talenti culinari nel settore sanitario, quindi abbiamo costruito il nostro team culinario”, ha affermato.

Per quanto riguarda le tendenze alimentari degli ospedali, l’approvvigionamento locale rimane importante. UAMS Medical Center ha un obiettivo del 20% per l’approvvigionamento alimentare locale.

E quando si tratta di offrire cibo accattivante, il feedback dei clienti è importante, ha affermato Iverson, aggiungendo che le giornate a tema come quella dell’Asia e del Pacifico sono popolari.

Ma l’alimentazione rimane la prima considerazione. Hindman ha detto: “Puoi somministrare alle persone medicine tutto il giorno, ma finché non ottengono la corretta alimentazione, non guariranno come dovrebbero, quindi il servizio di ristorazione e il cibo che diamo ai nostri pazienti è estremamente importante”.

Leave a Comment