I piatti della felce classici comfort food, stile vegano, a Cascade | Cibo bevanda



Appetite1-1-top.jpg

L’hamburger Fiery Curd può essere gustato con un contorno di tots.




C’è una tavola calda vegana a Cascade.

Questo è tutto. Questa è la storia.

OK, in realtà non è così. Ma questo di per sé è degno di nota per una città di un passo di montagna di circa 1.000 persone. Degna di nota è anche la storia di come è nata la tavola calda.

Come riportato a gennaio, Cody Rilo e Tyler Scheidel, la coppia dietro il bar tutto vegano Burrowing Owl, hanno condiviso i loro piani per rinnovare il Mildred’s Diner a Cascade e creare un ristorante che serve solo piante. Hanno fatto proprio questo, e Fern’s Diner + Drinkery – dal nome di uno dei loro cani salvati che ha combattuto valorosamente prima di soccombere al cancro di recente – sta ora saltando a Cascade. Dovevo solo chiedere a Rilo perché il concetto di tavola calda fosse la loro prossima avventura vegana.

“In poche parole, i commensali sono fantastici”, dice. “C’è una netta nostalgia con i vecchi commensali e quel senso di riunirsi con la tua comunità.”

Posso dirti che sta sicuramente accadendo, perché ogni singola volta che ho visitato, la tavola calda è animata all’interno, così come l’enorme, deliziosa e bizzarra birreria all’aperto dove sembra che nessuno sia un estraneo.

I commensali sono famosi per colazione o cena, a qualsiasi ora ed è quello che otterrai. Nota: la colazione vegana, in qualsiasi momento, è un grosso problema. “Penso che una cosa importante sia che essere vegani e cercare di fare colazione in città sia difficile”, afferma Scheidel. “E quando trovi un posto che offre opzioni vegane, spesso è una ciotola di muesli o farina d’avena con frutta o cose che semplicemente non colpiscono nel segno. Lo scramble di tofu è comune e delizioso, ma non proprio quella cosa strapazzata di uova che ricordi. Penso che il Moon Egg di Martin abbia colpito nel segno.

Lo fa. Lo chef Martin Ukes ha creato un “uovo di luna” a base vegetale a base di cibi integrali fatto semplicemente con moong dal (fagioli verdi, una verdura) e latte di avena e cotto in una polpetta. E questo è il fascino di Fern’s: le tecniche culinarie incredibilmente creative utilizzate per creare il familiare sia nel sapore che nella consistenza.

Quindi iniziamo con la colazione e quell’uovo. Certo, troverai i classici: una piccola pila di frittelle servite semplicemente con sciroppo d’acero; Toast francese con un insolito sciroppo di cocco alla banana abbinato a un pochino di burro vegan salato salato; e anche burritos per la colazione e impacchi per il brunch. E poi c’è il birichino Tommy Chonga, un chimichanga per la colazione farcito con Moon Egg, tater tots, salsiccia, verdure, formaggio, peperoncino verde (creazione di Rilo) e salsa di acero verde peperoncino dello chef vegano locale Aaron Posey. Croccante fuori e diabolico dentro. Ma oh, quel Country Skillet ha il mio cuore. Moon Egg e tater tots soffocati nel sugo, oltre a salsicce, cipolla e peperoni con una grande fetta di pane tostato del Texas sul lato ($ 13). Sì ah!



Appetite1-2-top.jpg




I tater tots sono il punto di riferimento di Fern e li troverai come antipasti o come contorno. Perché avere la poutine sotto forma di patatine fritte quando puoi soffocare i bambini con la cagliata di formaggio fatta in casa? Aspetta cosa? Lo so! Ukes non si è fermato a quell’uovo creativo. Con l’amido di tapioca e gli anacardi ha creato un alimento base appiccicoso e appiccicoso che non si presenta solo su patate fritte e peperoncino, ma come guarnizione per hamburger. L’hamburger Fiery Curd inizia con il Beyond Burger condito in casa e termina con la cagliata, e in mezzo troverai salsa piccante, lattuga e pomodoro. L’hamburger degli anni ’80 – con protagonista A1 (ciao, papà, sei in cucina?) e le briciole di formaggio blu hanno un sapore ridicolo. Credimi, non hai mangiato un Beyond Burger come questo da nessun’altra parte. Ukes utilizza condimenti terrosi per elevare quell’hamburger a base vegetale.

A proposito di formaggio blu, se vuoi essere un po’ più “leggero”, prova l’insalata di spicchi con la tradizionale lattuga iceberg e la versione vegana non tradizionale di crumble di formaggio blu, condimento di formaggio blu preparato da tavola calda e crumble di pancetta. La zuppa di pomodoro – pomodori arrostiti e latte di cocco – completa il pasto sano.

Fern’s offre anche deliziosi dolci da tavola. Baker Coco Lucerno fornisce giornalmente panini e biscotti alla cannella. Ma questi non sono i tuoi biscotti di tutti i giorni, gente. Lucerno spiega: “Sono la mia versione vegana e senza glutine dei tradizionali biscotti al tè, uniti alla nostalgia di una Pop-Tart. Uso erbe e tè colorati per tingere le croste e le glasse e abbinarli a ripieni di marmellata di frutta.

Te lo dico io, tornerai indietro nella memoria delle colazioni al sacco del sabato mattina con quei biscotti.

E a proposito di gluten free, quasi ogni piatto del menu, dalla colazione alla cena al dessert, è o può essere reso gluten free. Sono disponibili anche opzioni senza soia.

Oltre alla tariffa della cena, Fern’s opera anche come bevanda. Troverai birra (e birra N/A), vino, kombucha, cocktail analcolici e cocktail. La Tava è una svolta divertente sulla mimosa della colazione: tequila, liquore all’arancia, agave, mango e ananas. Voglio dire, è praticamente succo. Quindi è sano. O no. qualunque cosa.

Ad ogni modo, la tavola calda è accogliente all’interno – quattro cabine e 12 sgabelli da bar – e l’enorme birreria all’aperto è piena di tavoli, sedie e tavoli da picnic. E, naturalmente, i cani educati e ben educati sono i benvenuti. Perché Fern non l’avrebbe fatto in nessun altro modo.

Solo. Come andrà un ristorante vegano a Cascade, con così tanti turisti dell’Ute Pass che entrano senza idea che la carne non sia nel menu?

“Ci sforziamo sempre di convincere gli oppositori a rimanere e fare un tentativo, sia da Fern’s che da Burrowing Owl”, afferma Rilo. “La maggior parte delle persone è piacevolmente sorpresa.”

Durante la mia ultima visita, l’ho appena osservato. Un commensale deluso chiese tristemente: “Non puoi semplicemente aggiungere carne al mio ordine?” No. Ma è rimasto. Ed è proprio ciò che Rilo e Scheidel speravano e ciò che Ukes si sforzava di creare in alcuni piatti. “Voglio dare ai vegani un posto dove mangiare cibo consolatorio fatto in casa e mostrare ai non vegani che essere vegani non è impossibile. In realtà è abbastanza facile e delizioso”, afferma Ukes.

Missione compiuta. Perché quando quel commensale leggermente deluso finì il suo pasto esclamò: “Non avrei mai saputo che fosse vegano! Tornerò.”

Probabilmente lo vedrò lì. Perché sì, Rilo ha ragione: i commensali sono fantastici. E infine ce n’è uno dedicato a noi vegani, ma abbastanza buono da conquistare la folla carnivora. In Cascade, te lo ricorderò.

.

Leave a Comment