Gli studenti affrontano la malattia dai pasti serviti nelle sale da pranzo

Secondo quanto riferito, almeno otto studenti si sono ammalati dopo aver consumato cibo dalle mense e almeno due hanno scoperto che il loro cibo era avariato o crudo al Loyola’s Lake Shore Campus (LSC).

L’anno scorso, The Phoenix ha riferito di aver parlato con 20 studenti che si sono ammalati dopo aver mangiato nelle mense. 10 mesi dopo, alcuni studenti continuano a riferire di malattie legate al cibo dopo aver mangiato nelle mense.

Loyola Dining Services non ha risposto alle richieste di commento.

Aramark, la società che gestisce la Loyola Dining, non ha risposto alla richiesta di un’intervista di The Phoenix in merito a episodi di intossicazione alimentare nel campus.

Le mense hanno lottato contro i requisiti per tenere il passo con la sicurezza alimentare stabilita dalla città di Chicago, secondo quanto riportato in precedenza da The Phoenix. Damen Dining Hall ha fallito le ispezioni tre volte, superandole solo due volte dal 2018, secondo gli archivi delle ispezioni alimentari dal sito Web del Dipartimento di salute pubblica di Chicago (CDPH).

Le ispezioni si svolgono ogni anno o quando viene emesso il reclamo. Simpson e de Nobili hanno fallito una volta, hanno superato le condizioni una volta e hanno superato quattro volte dal 2018, secondo il CDPH.

Quando un locale che serve cibo, è autorizzato a rimanere aperto fino alla prossima ispezione, a condizione che rettifichi eventuali problemi che erano stati nominati.

Le sale da pranzo hanno avuto problemi con l’accumulo di sporco, etichettando gli alimenti in modo errato con gli ingredienti e gli allergeni appropriati, non etichettando gli alimenti con date di scadenza, problemi con insetti, cibo poco cotto e non pubblicando le procedure di sicurezza adeguate dal 2018, secondo il CDPH.

A febbraio, Simpson e de Nobili hanno superato le ispezioni, mentre Damen Dining Hall ha approvato le condizioni, il che significa che c’erano cose che dovevano essere aggiustate, ma nessuna era abbastanza grave da fallire, secondo i dati del portale dati CDPH.

Quest’anno, Damen Dining Hall ha tenuto carne di manzo affettata cotta a 121 F e 117 F, mentre la pizza si è tenuta a 69 F, tutte temperature inferiori alla temperatura minima di 135 F necessaria per passare in base alle statistiche .

Annalee Christopher, una laureanda in scienze politiche al primo anno, ha detto di non fidarsi del cibo nelle mense dopo aver detto di essersi ammalata da cinque a dieci volte dall’inizio del semestre. Christopher ha detto che quando ha bisogno di mangiare nelle mense, di solito va da de Nobili.

«L’unica cosa a [de Nobili] Ho capito che non ha sconvolto il mio stomaco è stato il cibo mediterraneo mediorientale”, ha detto Christopher. “Ogni volta che ho mangiato da Damen ho avuto mal di pancia.”

Kaylee Frederking, una studentessa del primo anno in assistenza sociale, ha detto di essere stata malata per due giorni dopo aver contratto un’intossicazione alimentare dal cibo della mensa.

Quando ha chiesto al personale del Centro Benessere se era normale che gli studenti si ammalassero a causa del cibo dell’LSC, le è stato detto che non era niente di straordinario. Frederking ha anche detto che si è ammalata di nuovo di intossicazione alimentare una settimana dopo.

“Mi sono ammalato nella prima settimana di scuola e non ho potuto frequentare la mia lezione del mercoledì perché stavo vomitando e avevo la febbre”, ha detto Frederking.

Dopo essere stata diagnosticata al Centro Benessere, Frederking ha detto che il Centro Benessere le ha detto che “non era niente di straordinario” che gli studenti si ammalassero a causa dei cibi della sala da pranzo.

Quando ha chiesto al personale del Centro Benessere se era normale che gli studenti si ammalassero a causa del cibo dell’LSC, le è stato detto che non era niente di straordinario. Frederking ha anche detto che si è ammalata di nuovo di intossicazione alimentare una settimana dopo.

“Penso che fosse Simpson”, ha detto Frederking. “Andavo con l’insalata e onestamente penso che fosse il pollo dell’insalata. Ricordo che era davvero gommoso.

Nicholas Straw, uno dei principali film e media del primo anno, si è detto molto deluso dalla qualità del cibo nelle sale da pranzo. Staw ha lavorato nella mensa di una grande azienda al liceo e ha detto che la scarsa qualità del cibo nelle mense Loyola è evidente.

“Era tutto cibo di alta qualità e ci abbiamo dedicato molto tempo e impegno e eravamo solo in sei a sfamare un paio di migliaia di persone ogni giorno, cinque giorni alla settimana”, ha detto Straw. “È solo un po’ deludente che questa sia un’opzione che mi viene presentata quando sto pagando per questo.”

Joan Holden, vicepresidente assistente per la salute e il benessere degli studenti presso il Loyola Wellness Center, ha affermato di non aver visto alcun tipo di aumento dei casi di intossicazione alimentare dall’inizio del semestre autunnale.

Holden ha detto che anche quando ci sono casi di studenti con intossicazione alimentare, non c’è modo di essere in grado di dire se provenisse dalle mense o meno.

“Puoi contrarre infezioni gastrointestinali in molti luoghi diversi, non è necessario che sia sempre nella sala da pranzo”, ha detto Holden.

Tutti gli studenti che hanno parlato con The Phoenix ai fini di questo articolo erano sicuri di aver contratto le malattie dovute al cibo nelle mense.

Kentaro Fujii, uno specialista in sicurezza informatica del primo anno, ha detto di non essersi ammalato per il cibo, ma di aver mangiato pollo crudo da Simpson Dining Hall durante la prima settimana di scuola.

“Ho preso il petto di pollo e due dei miei amici hanno preso le cosce di pollo”, ha detto Fujii. “Quando l’abbiamo morso, era ancora molto rosa all’interno. L’esterno sembrava cotto, ma l’interno era ancora molto crudo”.

Alcuni altri studenti hanno avuto problemi ad ammalarsi a causa del pollo, tra cui Celeste Ingemi, una specializzazione in contabilità del primo anno, che ha detto di essersi ammalata dopo aver mangiato pollo al de Nobili Dining Hall.

“Mi sono ammalato sulla L mentre andavo a una lezione in centro che ho per due ore solo una volta alla settimana”, ha detto Ingemi. “Dovevo mancarlo e sono andato al Centro Benessere in centro.”

Una studentessa ha trovato una scheggia di vetro nell’insalata che aveva ricevuto da Nobili Dining Hall il 18 ottobre. 2021, come riportato in precedenza da The Phoenix. A seguito di tale segnalazione iniziale, un portavoce della Loyola ha confermato che l’università era a conoscenza di un “aumento delle malattie gastrointestinali”.

A seguito della serie di studenti che si sono ammalati nel 2021, l’università ha affermato di aver messo in atto nuove pratiche per proteggere gli studenti e il personale dalle malattie di origine alimentare, inclusa la pulizia di routine delle superfici ad alto contatto e consentendo solo al personale della sala da pranzo di servire il cibo agli studenti piuttosto che avere opzioni self-service nelle sale da pranzo, come riportato in precedenza da The Phoenix.

Frederking ha detto che dopo essersi ammalata per la seconda volta, aveva difficoltà a portare se stessa a mangiare regolarmente nelle sale da pranzo.

“Ho dovuto spendere soldi extra perché non mi fidavo del cibo del dormitorio e ancora non mi fido davvero”, ha detto Frederking.

Secondo il sito web della Loyola University Residence Life, gli studenti del primo anno non hanno cucine interne e possono avere solo mini-frigoriferi nelle loro stanze del dormitorio.

Gli studenti di Loyola sono tenuti ad avere un piano alimentare durante il secondo anno, secondo il sito web di Loyola.

Ingemi ha detto che pensava che fosse sbagliato che l’intossicazione alimentare fosse un problema in una scuola che costa così tanto da frequentare.

“È decisamente frustrante perché stiamo pagando tutti questi soldi per mangiare, vivere qui e andare a scuola”, ha detto Ingemi. “Non dovremmo preoccuparci che le persone si intossicano da cibo nelle nostre sale da pranzo”.

(Visitato 42 volte, 60 visite oggi)

Leave a Comment