Frittelle da zero? Più facile del previsto

I pancake dovevano essere una delle prime cose sui fornelli che ho fatto, subito dopo le uova strapazzate, anche se sempre con un mix. Come pasto per risparmiare peso prima che le cene liofilizzate diventassero facili da ottenere, Jay e io usavamo miscele di acqua appena aggiunta per i pasti con lo zaino in spalla ogni tanto negli anni ’70, quando ancora cucinavamo sul fuoco aperto e avevamo’ Ho pensato di acquistare uno di quei fornelli da viaggio all’avanguardia (per la cronaca, ora sono al mio quarto fornello, senza contare un breve uso dei cubi Esbit con una piccola base del fornello usa e getta per un viaggio lungo il Grand Canyon).

Non è l’ultima volta che abbiamo fatto i pancake al campo, li ho lasciati scivolare fuori dall’elenco delle opzioni di menu mentre esploravo pasti più complessi del campo, ma io e MT li abbiamo alcuni sabato mattina a casa, ancora da un mix, anche se quasi sempre qualcosa con grano intero o grano saraceno, qualunque cosa sembri un po ‘più sana – e di solito ha un po’ più di sapore – rispetto alla varietà di farina completamente bianca.

Non ho mai provato i pancake da zero fino allo scorso fine settimana, dopo aver visto un episodio di America’s Test Kitchen che prometteva che questa versione fosse “facile”. La facilità può essere negli occhi di chi guarda, ma se hai sempre voluto provarli da zero, questa è una buona scommessa.

In realtà è abbastanza simile alla versione di Jay inserita nel suo compendio che i lettori abituali conoscono come “Le ricette preferite di zio Jake”, tranne per una notevole differenza quando si tratta di facilità. Come altre ricette da zero, Jay’s chiede di separare i tuorli e gli albumi e di montare gli albumi a neve morbida, quindi piegarli nella pastella altrimenti finita. Ci sono alcune piccole distinzioni nella versione di Jay: solo 2 cucchiai di zucchero, due cucchiai di olio vegetale e niente bicarbonato di sodio o vaniglia, ma a parte questo sono gli stessi.

Ah, ma se vuoi “facile”, vuoi saltare l’estrazione del mixer e sbattere i bianchi a neve, e questa versione aggira quel passaggio dando comunque un pancake piacevolmente soffice. Sospetto che provenga dal bicarbonato di sodio, dal momento che sia la ricetta di Jay che questa di ATK usano la stessa quantità dell’altro agente lievitante, il lievito.

Mi è piaciuto molto il mio primo boccone di questo, e parecchi bocconi dopo. Mi ha quasi fatto venire voglia di consumare per sempre i mix di scatole. Due cose lo impediscono.

Per prima cosa, ho tagliato la ricetta a metà e ho ottenuto sette pancake, circa un quarto di tazza di pastella in ciascuno. Li abbiamo divisi in modo uniforme, quindi ho avuto tre frittelle e mezzo. Con il terzo ho iniziato ad assaggiare un accenno di tutto quel bicarbonato di sodio/polvere. Non abbastanza per rovinarlo, ma abbastanza per accorgersene. Potrei essere solo io, penso che avendo preparato così tanti intrugli diversi sono un po’ più sensibile rispetto ad altre persone. Il modo più semplice è ridurre la quantità di polvere e/o soda che metti dentro e accettare semplicemente una torta meno soffice, oppure seguire la ricetta di Jay e prenderti il ​​​​tempo per montare i bianchi a neve per aggiungere un po’ di lanugine eliminando la soda.

In secondo luogo, a MT piacevano, ma come sapevo che le sarebbe piaciuto, ha sottolineato che preferisce i pancake con un po’ di grano integrale, solo così sono un po’ più sani. Probabilmente li proverò di nuovo sostituendo parte della farina per tutti gli usi con un po’ di grano integrale (1/3 della farina totale, forse), o semplicemente setaccerò il web per una ricetta di frittelle di grano integrale che sembra buono.

Doppio calcio!

frittelle da zero (La cucina americana di prova)

2 tazze di farina

3 cucchiai di zucchero

4 cucchiaini di lievito in polvere

1 cucchiaino di sale

½ cucchiaino di bicarbonato di sodio

2 uova

¼ di tazza di olio vegetale

1/½ tazza di latte

½ cucchiaino di vaniglia

Mescolare la farina, lo zucchero, il lievito, il sale e il bicarbonato in una ciotola e sbattere insieme.

In una ciotola separata, sbatti le uova, l’olio vegetale, il latte e la vaniglia. Unire agli ingredienti secchi e sbattere leggermente. Non aver paura di lasciare grumi, è ciò che dà queste lanugine. Lasciar riposare 10 minuti in modo che la farina possa idratarsi.

In una padella antiaderente utilizzare ½ cucchiaino di olio vegetale o burro e spalmare con carta assorbente. Prepara dei pancake di circa 4 pollici di diametro, circa ¼ di tazza di pastella ciascuno. Se necessario, tieni le frittelle finite al caldo in forno mentre fai altre frittelle.

Raggiungi Mark Guydish al 570-991-6112 o su Twitter @TLMarkGuydish

Leave a Comment