Crea questo ciabattino alla pesca dal libro di cucina vegano di debutto di Tabitha Brown

“Pigro ciabattino di pesche”. La sola lettura del titolo di tre parole della ricetta suscita una risposta appetitosa al dessert sicuramente da gustare in una piacevole serata a casa.

Questa ricetta è stata donata dal libro di cucina di debutto dell’attrice e autrice Tabitha Brown, “Cucinare dallo spirito: ispirazioni vegetali facili, deliziose e gioiose”, che è uscito sugli scaffali martedì.

Vantando 4,2 milioni di follower su Instagram e oltre 795.000 abbonati su YouTube, Brown – che si è soprannominata la “mamma preferita del mondo” ​​nella sua biografia su Instagram – è nota per il suo stile di vita e cucina vegani, condivide ricette con i fan e ha anche un linea di prodotti con Target e una linea per la cura dei capelli.

Condividendo deliziosi piatti a base vegetale – tra cui un avocado ripieno, brasato di jackfruit e torte senza granchi con salsa tartara speziata – il nuovo libro di cucina di Brown lascia spazio allo chef per usarli per essere creativo e adattarsi di conseguenza ai propri gusti.

Yum:Come fare un tagliere di burro, secondo lo chef che ha ispirato il trend food

Ti piace l’espresso Martini? Ecco come Dante, uno dei bar ‘World’s Best’, prepara il suo cocktail

Il volume a base vegetale offre ai lettori e agli chef casalinghi una versione vegana dell’alimento base dei dessert, che è meglio servire da condividere in buona compagnia.

Da “Cucinare dallo Spirito” di Tabitha Brown. Copyright © 2022 di Tabitha Brown. Ristampato con il permesso di William Morrow, un’impronta di HarperCollins Publishers.

Cosa sapere:Il latte d’avena è così popolare, è nel dizionario ora

Il pigro calzolaio di pesche

La mia ragazza Catarah Coleman è come una sorella per me. È anche una fornaia straordinaria e co-proprietaria di Southern Girl Desserts, la rinomata panetteria di Los Angeles. Alcuni anni fa, ha portato un ciabattino di pesche alla cena del Ringraziamento. Tesoro, quel calzolaio aveva un aspetto e un odore così buono. Ero ancora nuovo all’essere vegano e gliel’ho chiesto. Era come, “Oh mio Dio, sorella. Mi dispiace tanto, tesoro. Non puoi mangiarlo.” È una fornaia tradizionale, e questo significa burro e uova, ma ha subito detto che avrebbe trovato un modo per renderlo vegano per me.

Leave a Comment