Come un’ereditiera di un negozio di cartelle e una creatrice di cibo hanno unito le forze per lanciare una serie di cene unica nel suo genere

Non c’è niente come una ciotola fumante di pasta fatta a mano e buona compagnia – e ora, due imprenditori alimentari di New York City hanno elevato l’esperienza grazie alla loro passione condivisa nel mettere il patrimonio in un piatto.

Emily Fedner e Sarah Raffetto, il duo collaborativo Petite Pasta Joint, hanno riconosciuto che non c’è un’impressionante competizione culinaria per la carenza di cibo italoamericano nella città che non dorme mai, quindi hanno creato una serie di cene pop-up per distinguere il loro cibo mentre creano un ambiente creativo tavolo comune per i commensali per sperimentare la cucina ispirata delle loro famiglie di immigrati.

FOTO: Un tavolo di commensali all'interno del negozio di pasta di Raffetto a New York City.

Un tavolo di commensali all’interno del negozio di pasta di Raffetto a New York City.

Misto di pasta

La coppia ha dato uno sguardo a “Good Morning America” ​​all’interno del negozio di pasta di Raffetto, che funge anche da sala da pranzo per gli ospiti affamati, almeno quelli abbastanza fortunati da ottenere un posto in lista d’attesa.

“La pasta di Raffetto è qui nel Greenwich Village dal 1906. Mio bisnonno ha fortunatamente acquistato l’edificio nel 1920, motivo per cui siamo stati in grado di trascendere un secolo ed essere ancora qui con prezzi modesti oggi”, ha detto Raffetto, un “membro di 4a generazione della dinastia della pasta fresca di Raffetto” secondo la sua biografia Petite Pasta Joint. “Siamo di Genova dove il pesto è più famoso.”

FOTO: Sarah Raffetto tossisce la pasta della sua famiglia in una padella con salsa per una cena Petite Pasta Joint.

Sarah Raffetto tossisce la pasta della sua famiglia in una padella con salsa per una cena Petite Pasta Joint.

Misto di pasta

Dopo aver organizzato la sua cena di compleanno nella vetrina del negozio, che ha anche una cucina completa, Raffetto ha detto di aver intrapreso una “ricerca” alla ricerca di “cuoche e chef donne con cui fare cene una tantum” e si è imbattuto nell’Instagram di Fedner, dove Fedner aveva etichettato un piatto di pasta di Rafetto al sugo di salvia e funghi.

https://giphy.com/gifs/GoodMorningAmerica-mEBCY58hLALEIJ7QIw

“Potrei dire che chiunque fosse questa persona, era estremamente appassionata e laboriosa e conosceva davvero le sue cose”, ha detto Raffetto.

“Questa è probabilmente l’unica volta nella storia in cui le pappardelle all’uovo hanno formato un business con due persone”, ha aggiunto con una risata Fedner, che pubblica le sue creazioni su Instagram sotto il nome di @foodloversdiary.

Dall’inizio e dal lancio di Petite Pasta Joint nel giugno 2019, la serie di cene pop-up è decollata, vantando una lista d’attesa di oltre 1.000 commensali speranzosi.

Il servizio presenta agli ospiti una deliziosa e unica cena di sette portate con Fedner e Raffetto integrata nell’intera serata, dall’inizio alla fine: cucinare nel retrocucina, presentare ogni piatto e raccontarne una storia personale.

“Sarah e io ci divertiamo così tanto con le nostre cene e diciamo sempre che siamo orgogliosi di non essere alla moda. Serviamo piatti che significano qualcosa per noi”, ha spiegato Fedner, cresciuto in una famiglia ebrea russa.

“Sarah era incredibilmente vicina a sua Nana Romana, la matriarca della loro famiglia, e io ero incredibilmente vicina alla mia babushka: questo era un altro punto su cui ci siamo legati, il nostro amore e la nostra vicinanza con le nostre nonne immigrate”, ha aggiunto. “Abbiamo un po’ sminuito la loro influenza durante le nostre cene”.

“Sei qui per la storia e Sarah e io usciamo con ogni portata per dirti un po’ di più su ciò che stai vivendo, cosa stiamo cucinando e perché è importante”, ha detto Fedner. “… Ci amiamo e amiamo ciò che facciamo, e penso solo che ciò che rende Petite Pasta Joint così speciale è la vicinanza alla fonte e a ciò che stiamo facendo”.

FOTO: Una focaccia all'orto fatta in casa da Petite Pasta Joint.

Una focaccia all’orto fatta in casa da Petite Pasta Joint.

Misto di pasta

“L’italiana è la cucina più amata in America — a New York abbiamo centinaia, se non migliaia di ristoranti. È la cucina più satura in cui ti ritroveresti, e qualcosa che è così importante per me è trovare un modo per differenziarsi noi stessi attraverso non solo lo spazio, ma la nostra amicizia e il nostro rapporto che è così ovvio e che si sente davvero in tutta la stanza e si sente per tutta la cena”, ha continuato Raffetto.

La cena di sette portate della coppia include in genere alcuni punti fondamentali, tra cui cartelle tagliate e riempite a mano, con iterazioni ispirate alla stagione su ricette provate e vere.

FOTO: Sarah Raffetto in cucina a cucinare per una cena Petite Pasta Joint.

Sarah Raffetto in cucina a cucinare per una cena Petite Pasta Joint.

Misto di pasta

“Abbiamo un piatto d’autore Petite Pasta Joint ad ogni singola cena – abbiamo una cartella piena che produciamo a mano”, ha detto Fedner. “Adoriamo il processo di produzione della pasta perché è davvero lì che io e Sarah ci leghiamo”.

https://giphy.com/gifs/GoodMorningAmerica-8hzi1hqKN34NnjPLdF

https://giphy.com/gifs/GoodMorningAmerica-h7hjUSpFuesueDzmpd

Il loro raviolo al ‘uovo – pasta ripiena di tuorlo d’uovo – è condito con la tipica salsa di burro marrone miso PPJ, che secondo la coppia ha conquistato molti cuori.

Per l’autunno, hanno anche creato una versione di zucca, che Raffetto ha detto prende una pagina dalla ricetta dei ravioli della sua famiglia usando gli amaretti nel ripieno per rassodare l’interno e aggiungere profondità di sapore.

“Poiché la salsa è saporita e ricca di noci, funziona così bene quando abbiamo il contrasto”, ha detto Fedner.

https://giphy.com/gifs/GoodMorningAmerica-9PkMMcKOyT3Nq72uuy

Non ci sono due menu di Petite Pasta Joint uguali e la serata BYOB inizia tradizionalmente con una storia su come la coppia ha iniziato, mentre una portata di pane viene aggiunta al tavolo da pranzo comune. Da lì è un piatto di verdure o insalata, a seconda della stagione, per il secondo piatto. Quel corso è seguito da un altro piccolo piatto e poi dall’evento principale: la cartella. Tre portate di pasta vengono preparate in successione in stile familiare con un breve intervallo a metà pasto per vedere Raffetto dimostrare come utilizzare il tagliapasta vecchio stile della sua famiglia.

https://giphy.com/gifs/GoodMorningAmerica-j8C5RcQozWVWWzlOci

“Una delle mie parti preferite delle cene è quando Sarah mostrerà fisicamente a tutti i nostri ospiti come tagliare la pasta sul tagliapasta di 100 anni: cena e spettacolo”, ha detto Fedner. “È un’esperienza così personale e Sarah ed io siamo quelli che prepariamo fisicamente il cibo. Siamo quelli che allestiscono lo spazio per quelli che puliscono nella parte posteriore: questo è il nostro figlio d’amore, e abbiamo un mano in ogni sua parte.”

https://giphy.com/gifs/GoodMorningAmerica-enP1z34PVzSIflZa7q

Il pasto si conclude con un dolcetto, che durante l’estate significava un gelato al mais dolce con caramello al miso.

FOTO: Emily Fedner e Sarah Rafetto parlano ai loro ospiti al Petite Pasta Joint.

Emily Fedner e Sarah Rafetto parlano ai loro ospiti al Petite Pasta Joint.

Misto di pasta

In questi giorni la coppia ospita circa quattro cene al mese e invia informazioni sulle cene future tramite mailing list digitali. Ma a volte, ha detto Raffetto, condividono le aperture dell’ultimo minuto sulla piattaforma in cui tutto è iniziato: i DM di Instagram.

Leave a Comment