Come ospitare una cena vegetariana

Non temere la cena! Siamo dell’opinione che ospitare sia molto più divertente quando gli ospiti vengono accolti in cucina. Questo è Cena da Kat—una nuova serie in cui la direttrice editoriale Kat Craddock accoglie cuochi alla moda, autori di libri di cucina e professionisti del vino e degli alcolici nella sua casa per una giornata di cucina e connessione. Non c’è nessun mistero dietro l’organizzazione di una cena di successo. Trova i menu, le ricette, le bevande, i consigli per lo shopping e i trucchi per realizzarlo qui.

L’ospite:

Il team SAVEUR ammira da tempo Romy Gill, chef e autrice di libri di cucina con sede nel Regno Unito. L’abbiamo presentata nel 2016, quando la defunta regina Elisabetta II le ha conferito l’MBE, un onore concesso per “risultati significativi o servizio eccezionale alla comunità”. Nel 2019, ho cucinato con lei quando si è unita alla pasticcera superstar Caroline Schiff e alla società femminista britannica di articoli da cucina Polka Pants per una cena epica nella nostra cucina di prova. Da allora, ho pubblicato Romy tra i miei migliori amici e l’ho guardata con gioia dall’altra parte dell’oceano mentre lei due incredibili libri di cucina indiana. La sua più recente, Sul sentiero himalayanoè una cronaca splendidamente fotografata del cibo e del paesaggio che ha vissuto viaggiando attraverso le regioni montuose del nord dell’India, il Kashmir e il Ladakh.

Quando ho sentito che il tour del libro di Romy l’avrebbe portata attraverso New York City, ho capito subito che doveva essere l’ospite d’onore alla prima cena nel mio nuovo appartamento. Si è offerta di fare alcune delle ricette dal suo libro e ho deciso di fare alcuni accompagnamenti per completare il nostro pasto.

Il menu:

La grande notte:

Craddock prepara i pomodori per un’insalata di fine estate.

Dopo oltre un decennio negli angusti appartamenti di New York, finalmente ho abbastanza spazio per una cena vera e propria. Prima di trasferirmi in città, vivevo in un magazzino di Boston pieno di punk e artisti e una delle cose che preferivo fare era spalancare la porta e invitare amici, amanti e qualche estraneo nel mio loft per un pasto caldo e un qualche drink di troppo.

Ora sto spingendo in modo aggressivo 40, quindi durante la ricerca di un nuovo appartamento all’inizio di quest’anno ho deciso di fare spazio a casa mia per le cene ancora una volta. Soprattutto, stavo cercando una cucina aperta con molte finestre e, una rarità negli affitti di New York, una cappa oltre la gamma. Siamo stati fortunati ad atterrare nel posto perfetto: un posto spazioso e pieno di sole a Stuyvesant Town, lo sviluppo residenziale del dopoguerra appena a nord dell’East Village.

A sinistra: Gill spreme di limoni freschi per il paneer fatto in casa; A destra: ha finito il formaggio fresco con peperoncini verdi in una salsa cremosa alla curcuma.

Dopo mesi di attesa che un tavolo da pranzo si facesse strada attraverso i ritardi della catena di approvvigionamento, ho finalmente avuto modo di pianificare. Mentre Romy stava tornando dall’Inghilterra, abbiamo curato un menu vegetariano tramite Whatsapp utilizzando un mix di ricette del Kashmir dal suo libro e alcuni accompagnamenti di ispirazione stagionale. Abbiamo invitato alcuni amici e il resto della banda di SAVEUR a unirsi a noi per la cena.

Gill e Craddock fanno un giro con le pentole in ghisa di SAVEUR Selects.

La mattina prima della festa, mi ha incontrato all’Union Square Greenmarket. Abbiamo raccolto una manciata di ingredienti freschi: alcuni peperoncini piccanti per un paneer in stile Kashmir con salsa di curcuma; un quarto di ciliegie acide fuori copione per un chutney allegro e piccante; e pomodori e scalogno cimelio per un’insalata calda e speziata. Abbiamo anche raccolto alcune mele croccanti al miele che in seguito avremmo brasato in una composta burrosa con uvetta, cardamomo, semi di finocchio e Lillet per guarnire una semplice crostata alla crema pasticcera dalla mia panetteria locale preferita.

Al bar:

A sinistra: Luccia Corichi; A destra: Craddock ha abbinato il piatto principale con un vino arancione biologico di Castilla La Mancha, in Spagna.

Sebbene il libro di Romy contenga molte belle ricette per il tè, non ci sono cocktail: l’alcol non è ampiamente consumato nelle regioni in gran parte musulmane del Kashmir e del Ladakh. Ma sapevamo entrambi che volevamo dare il via al nostro pasto mashup con una bevanda alcolica divertente. Spero in un profilo aromatico adatto per brindare alla profumata sagra di montagna di Romy, quindi ho chiesto alla straordinaria barista, Luccia Corichi di aiutarci.

Luccia ha lavorato in ristoranti di Brooklyn e Manhattan, più recentemente con Unapologetic Foods of Adda e Dhamaka. Attualmente è la manager del bar di Semma, il nuovo concept del gruppo nell’India meridionale, ma non ha avuto problemi a guardare più a nord per progettare uno splendido cocktail di ispirazione himalayana. Era una notte calda, quindi Luccia ha trasformato il gin secco Ha, che è pus con bacche di saltatore botanico indiano selvatico, in un punch all’anguria al limone. Una spruzzata di sciroppo fatto in casa con tè Darjeeling, verbena al limone e sale nero sulfureo del Kashmir ha conferito a Luccia strati rinfrescanti e fruttati di sfumature salate che brillavano insieme al caldo freddo del nostro ricco pasto vegetariano.

Ingredienti All Star:

Suggerimento professionale:

Romy Gill ha insegnato a Kat Craddock il metodo facile e veloce di sua madre per il paneer fai-da-te.

Romy è cresciuta mangiando un sacco di paneer fatto in casa nel Bengala occidentale e anche il formaggio fresco e pressato di fattoria compare spesso nel suo libro (il paneer è molto importante nella cucina del Kashmir). Le versioni commerciali sono sempre più disponibili nei supermercati e nei negozi di alimentari dell’Asia meridionale, ma Romy sapeva che ho lavorato come formaggiaio per molti anni ed era ansiosa di mostrarmi quanto sia facile e veloce preparare da zero questo formaggio non stagionato.

“Devi dare amore al latte ed essere molto dolce mescolando, altrimenti la cagliata si spezzerà”.

Il paneer fatto in casa richiede solo due ingredienti e sono rimasto piacevolmente sorpreso dal fatto che questo semplice processo si traduce in un formaggio molto più morbido e delicato rispetto a quello acquistato in negozio. Abbiamo usato i risultati per fare un curry giallo cremoso in stile Kashmir con curcuma, peperoncini verdi e cardamomo (controlla tu stesso il metodo del paneer fai-da-te di Romy, che ha imparato da sua madre).

La playlist:

Mentre ci davamo da fare in cucina, ho indossato il mio mix di festa di boppy New Wave degli anni ’80. Quando è arrivata l’ora di cena, Romy ha preso il controllo degli altoparlanti con un bel mix di pop groovy dell’Asia meridionale e canzoni d’amore di Bollywood.

•La marea è alta – Blondie

•Pump It Up – Elvis Costello e le attrazioni

•La vita in tempo di guerra – Teste parlanti

•Bruciando la casa – Teste parlanti

•Fitoor – Shamsera Colonna sonora

•Nasha – Uguale alle sessioni

Ottieni le ricette

Punch al gin all’anguria con sale dell’Himalaya Ottieni la ricetta >
Insalata di pomodoro con scalogno e vinaigrette al burro marrone caldo Ottieni la ricetta >
Chaman Kaliya (Kashmir Paneer Curry con cardamomo e curcuma) Ottieni la ricetta >
Chutney di amarene del Kashmir Ottieni la ricetta >
Sformato parigino con composta di cardamomo e mele Ottieni la ricetta >
Kahwa (tè al miele speziato del Kashmir) Ottieni la ricetta >

Leave a Comment