“Ci piace cucinare”: 13.000 pezzi di pollo, 10.000 porzioni di pasticcio, 20.000 Dolmathes e migliaia di dolci Festival del cibo greco con 30.000 visitatori in attesa di ottobre. 13-15

Da sinistra, Teresa Petelos, Tony Petelos e Irene Tracy al lavoro per preparare il prossimo Festival del cibo greco. Sotto, Finley Evans e Hala Valekis.

Di Anna Ruisi

Cibo salato e dolci fatti in casa basati su ricette tramandate da quattro generazioni della comunità greca di Birmingham attireranno circa 30.000 persone al 49° Festival annuale del cibo greco presso la Cattedrale greco-ortodossa della Santa Trinità-Santa Croce, dal 13 al 15 ottobre.

“È la nostra espressione di conforto e amore”, ha affermato Fanoula Gulas, presidente della Philoptoches Society della chiesa, un gruppo di filantropia femminile. “L’ospitalità è importante per la nostra cultura”.

Sonthe Burge, un parrocchiano di lunga data incaricato della cottura dei biscotti al burro di koulourakia, è d’accordo.

“Ci piace cucinare”, ha detto Sonthe Burge, parrocchiano di lunga data. “Questo è un modo per condividere il nostro patrimonio, la nostra cultura e la nostra fede con la comunità.

Le offerte di menu per le 10.000 persone attese ogni giorno includeranno i piatti preferiti di lunga data, come souvlakia, pastichio, pollo greco, spanokopeta (torta di spinaci), dolmathes (foglie d’uva ripiene), riso greco, piatti vegetariani, insalata greca e gyros. I dolci greci a disposizione includeranno il baklava; kourambethes, noto anche come biscotti nuziali greci; melomakarana, un biscotto greco al miele; e koulourakia, o twist di biscotti al burro.

Come fanno da quasi 50 anni, i membri della chiesa preparano la maggior parte del cibo nella cucina della chiesa.

“Facciamo tutta la cottura, i pasticcini e il pastichio”, ha detto Gulas, riferendosi alla popolare casseruola a volte chiamata “lasagne greche”, fatta con besciamella in stile greco invece della salsa di pomodoro che gli italiani usano per preparare il piatto d’autore.

La cottura è un grande progetto che coinvolge centinaia di chili di ingredienti e ore di preparazione.

Burge ha supervisionato i volontari che preparano il koulourakia, un biscotto al burro, per 30 anni. Dopo aver mescolato gli ingredienti, l’impasto viene arrotolato a mano, tagliato a strisce e attorcigliato prima di essere cotto.

“Ne produciamo più di 1.000 dozzine ogni anno, probabilmente 1.100 dozzine quest’anno”, ha detto Burge.

I volontari hanno iniziato a fare il baklava a giugno e hanno continuato con i biscotti durante regolari sessioni di cottura che chiamano workshop. I dolci venivano cotti in lotti. Ogni lotto di koulourakia, ha detto Burge, richiede circa 7 libbre di farina e produce 21 dozzine di biscotti.

Burge ha anche aiutato a fare altri biscotti e il pastichio, che viene preparato in anticipo.

Cottura costante

Mentre i dolci e i biscotti vengono preparati con mesi di anticipo, il resto del cibo, come pollo greco, riso e fagiolini con pomodori, viene preparato fresco ogni giorno durante il festival, ha affermato Pete Graphos, un residente di Crestline che è stato il responsabile della cucina del festival negli ultimi 15 o 20 anni.

“L’anno scorso abbiamo cucinato 13.000 pezzi di pollo, 500 padelle di pastichio – ogni padella ha 24 porzioni. Sono 10.000 porzioni”, ha detto Graphos.

Circa 20.000 dolmathes, o foglie di vite ripiene, sono state servite l’anno scorso e il riso veniva cotto in due lotti da 50 libbre ogni ora.

Il pollo greco viene marinato nel succo di limone, burro e condimenti per 24 ore prima di essere cotto per un’ora in uno degli otto forni a convezione della cucina della chiesa, ha detto Graphos. Ogni forno può cuocere 100 pezzi alla volta, quindi sono 800 pezzi di pollo cotti ogni ora.

La cucina è costante durante la festa, ma la cucina è come una macchina ben oliata, con circa 10 volontari all’orario di lavoro. Ottime attrezzature da cucina, inclusi sofisticati forni Combi programmabili, e i volontari contribuiscono a renderlo un successo.

I forni, ad esempio, possono cuocere 20 teglie di pastichio contemporaneamente, il tutto in automatico. Lo stesso vale per il piatto di fagiolini e pomodoro.

“Risulta tutto perfettamente”, ha detto Graphos.

Gli ingredienti aiutano a ottenere quel gusto perfetto. Il succo di limone utilizzato per il pollo greco non è domestico; è importato dalla Grecia e ha più sapore, ha detto Graphos. I condimenti, anch’essi importati dalla Grecia, vengono spruzzati su entrambi i lati del pollo per dargli più sapore.

“Siamo molto orgogliosi della qualità del nostro cibo”, ha affermato Graphos.

Gulas ha detto che c’è un altro elemento che eleva il cibo a un livello più alto.

“Ogni singolo oggetto è toccato con amore”, ha detto Gulas.

I piatti di cibo avranno un prezzo individuale e i pasticcini greci saranno preconfezionati e venduti nelle linee alimentari. Bibite analcoliche, birra greca e vini saranno disponibili in loco per completare i pasti.

Musica, Tour e Vino

Oltre al buon cibo, ci sarà intrattenimento, con musica greca e spettacoli di danza di quasi 100 membri della chiesa, dai “bambini dolci alle scuole superiori”, ha detto Gulas.

Souvenir mediterranei e ortodossi saranno disponibili presso la piazza del mercato greco del festival, così come il libro di cucina della chiesa, “I greci hanno una ricetta per questo”, che è stato aggiornato più volte nel corso degli anni con nuove edizioni, ha detto Burge.

“È un ricettario facile da seguire, non è difficile usarlo”, ha detto. “La mia copia è del 1981, la quarta tiratura.”

La parrocchia greco-ortodossa Holy Trinity – Holy Cross è stata istituita nel 1906 ed è la quarta parrocchia greco-ortodossa più antica del sud-est.

Durante il festival saranno disponibili tour autoguidati della cattedrale, l’unica cattedrale greco-ortodossa dell’Alabama, e i parrocchiani saranno disponibili a rispondere a “ogni singola domanda” tra le 10:30 e le 21:00 per programmare il tour.

“Incoraggiamo gli ospiti a dare un’occhiata alla bellissima iconografia e arte” nella chiesa, ha detto Burge.

Il festival non è solo un’opportunità per condividere l’amore per il buon cibo e l’ospitalità, ma è un importante sforzo di raccolta fondi per la chiesa. La chiesa, a sua volta, dona una parte dei proventi della festa a enti di beneficenza.

Quest’anno la vendita di 1.300 padelle di pastichio surgelato a $ 50 ciascuna andrà in beneficenza, tra cui Children’s of Alabama, UAB Comprehensive Cancer Center, Ronald McDonald House Charities of Alabama e Firehouse Shelter, che la chiesa sostiene fornendo un pasto una volta a settimana durante tutto l’anno, ha detto Graphos.

Le ore di preparazione e di impegno per mettere in scena il festival ogni anno valgono la pena, hanno concordato i volontari.

“Ci piace davvero farlo per il Birmingham”, ha detto Gulas. “Abbiamo lavorato così duramente su questo. Siamo stanchi, ma ci piace”.

Grafici concordati.

“È una cosa gioiosa e molto divertente”, ha detto.

Il Greek Food Festival è aperto dalle 10:30 alle 21 ottobre. 13-15, con servizio drive-thru dalle 10:30 alle 19:00 Gli ordini online saranno disponibili su birminghamgreekfestival.net e gli ordini possono essere presi e consegnati semplicemente guidando.

Coloro che vogliono gustare il loro cibo in loco possono farlo nella zona pranzo tendata.

Leave a Comment