Cerchi cibo vegano? Happy Cow dice che queste 10 città sono le migliori

Negli ultimi 23 anni, la risorsa vegana e lo strumento di revisione Happy Cow ha raccolto molte informazioni sulle migliori e più abbondanti opzioni a base vegetale. Quindi quali sono le città migliori per i vegani? Le 10 migliori città vegane del mondo di quest’anno offrono uno sguardo unico, basato sui dati, alle località che fanno il meglio a base vegetale.

Utilizzando i suoi dati proprietari raccolti da oltre 180 paesi, Happy Cow ha determinato quali città si sono classificate meglio in base a molti fattori, incluso il numero di ristoranti completamente vegani entro un raggio di 10 km (6,2 miglia) da ciascun centro città.

VegNews.BarcellonaRootsandRollsRadici e involtini

In quel raggio, Happy Cow ha considerato il numero di attività completamente vegane e tutti i ristoranti (compresi vegani, vegetariani e veg-friendly). Ha anche esaminato la densità di attività vegane pro capite e ha confrontato la crescita delle attività vegane dall’ultimo rapporto annuale.

Per determinare l’amichevolezza vegana di una città, Happy Cow ha incluso anche l’analisi qualitativa dei suoi dipendenti, ambasciatori della città e “Cowmunity” in generale.

“È molto più facile trovare opzioni vegane in questi giorni rispetto a quando ho iniziato HappyCow”, dice il fondatore di Happy Cow Eric Brent a VegNews. “In particolare negli ultimi cinque o sette anni, c’è stata una crescita esponenziale nel numero di opzioni vegane disponibili in alcune aree dell’Europa, del Nord America e dell’Asia”.

Le migliori città vegane di Happy Cow

Quindi quali città secondo Happy Cow erano le più vegan-friendly? L’elenco ha avuto alcuni giochi da ragazzi e sorprese, allo stesso modo. Il 10° posto va al Barcellona, ​​che ha visto una crescita del 74 per cento del veganismo. La posizione numero nove è occupata da Varsavia, la capitale polacca dove Happy Cow afferma che il veganismo è costantemente più popolare del vegetarianismo.

VegNews.VeganJunkFoodBar1Barra di cibo spazzatura

L’ottavo posto va ad Amsterdam, sede della famosa catena Vegan Junk Food Bar, e una città che ha registrato una crescita del 78% delle attività vegane negli ultimi tre anni. La thailandese Bangkok rimane nella top 10 dell’anno scorso, arrivando al numero sette con le sue 130 attività completamente vegane. E il sesto posto è saldamente occupato da Los Angeles, dove il numero di ristoranti vegani è raddoppiato negli ultimi sei anni.

Il quinto posto centrale va a Singapore, un hub per tutto ciò che riguarda la tecnologia alimentare vegana. La nazione insulare vanta 800 stabilimenti vegani, di cui 185 sono vegani al 100%. La cultura del venditore ambulante di Singapore pullula anche di bancarelle completamente vegane come lo stand di snack di recente apertura Xiu Xiu Fried Banana.

VegNews.Melbourne.Kevabskevab

L’australiana Melbourne si è assicurata il quarto posto con un totale di 1.000 annunci su Happy Cow, di cui 100 completamente vegani. Le opzioni a base vegetale qui abbracciano la gamma della popolazione culturalmente diversificata della città e includono curry tailandese a Cookatoo Kitchen; Cucina di ispirazione turca al Kevabs; e la fusione giapponese/indiana a Shakahari.

Le 3 migliori città vegane del mondo

New York City si trova al terzo posto e la concentrazione di 170 ristoranti vegani entro 10 miglia dal centro della città gli ha dato un vantaggio rispetto agli altri. Qui, le opzioni a base vegetale possono essere trovate in ogni categoria, dal fast-food (PLNT Burger) al raffinato (PS Kitchen) al più alto livello (Eleven Madison Park).

VegNews.ElevenMadisonPark.EvanSung1Evan Sung, Undici Madison Park

Al secondo posto c’è Berlino, dove il veganismo è cresciuto esponenzialmente da diversi anni. Nel 2022, la città ha raggiunto un traguardo con 100 ristoranti vegani entro 10 km dal centro della città. Happy Cow osserva che la comprensione del veganismo è pervasiva a Berlino, dove le etichette vegane punteggiano i menu in tutta la città su qualsiasi cosa, dal kebab (Vöner der Vegetarische Döner) al vietnamita (1990 Vegan Living) al ramen (Beyond Ramen).

Gli inglesi (e gli americani gelosi) potrebbero aver intuito che Londra occupa il primo posto nella lista di Happy Cow. La prima città a superare i 200 ristoranti completamente vegani, nel 2022, Londra ha ora più di 400 aziende vegane. Il veganismo continua a crescere a Londra, dove i londinesi possono fare acquisti presso La Fauxmagerie (il primo negozio di formaggi vegani del Regno Unito); cenare con un grande gruppo a Erpingham House (il più grande ristorante vegano del Regno Unito); e concediti un po’ di pollo fritto in due luoghi del Tempio di Seitan (il primo negozio di pollo vegano al mondo).

VegNews.VeganChicken.TempleofSeitanTempio di Seitan

“Londra e Berlino rimangono in cima alla lista delle città vegane. In questi centri è difficile trovare un ristorante che non abbia opzioni vegane”, afferma Brent. “Nel frattempo, i ristoranti completamente vegani in tutto il mondo stanno diventando sempre più sofisticati e innovativi con i loro menu”.

I secondi classificati quest’anno includono Parigi, Taipei, Ho Chi Minh City, insieme a Portland, Tel Aviv e Toronto, con gli ultimi tre che escono dalla top 10 dell’anno scorso. Happy Cow identifica anche città con un potenziale di crescita impressionante come Lisbona, Città del Messico e Seoul.

“Anche alcune grandi città del Sud America stanno mostrando una crescita entusiasmante”, afferma Brent. “I proprietari di aziende, gli esperti di cibo, i creatori di contenuti sui social media e i membri della nostra Cowmunity stanno tutti contribuendo a portare avanti questo movimento”.

L’elenco di Happy Cow segue il rilascio di un elenco delle prime cinque città vegane incentrate sugli Stati Uniti da parte di WalletHub, compilato utilizzando i dati di TravelAdvisor. Sebbene gli elenchi differiscano per portata, sia WalletHub che Happy Cow concordano sul fatto che New York è un ottimo posto dove stare per i vegani.

Per le ultime notizie vegane, leggi:

Leave a Comment