Cerca alghe! Ricette di alghe di Hetty McKinnon | Cibo e bevande australiane

Riso al forno Hijiki avvolto nel nori

Potresti chiamare questi pigri involtini di riso per sushi o tacos di riso alle alghe, ma mangiamo qualche iterazione di questo pasto almeno una volta ogni quindici giorni (che è molto nella nostra famiglia, dato che abbiamo un vasto repertorio di preferiti).

La bellezza di questo piatto è che non richiede pensiero, è nutriente e saziante e può essere condito con qualsiasi verdura tu abbia a portata di mano. I cetrioli o le zucchine crude sono buoni condimenti, ma puoi anche aggiungere mais dolce, funghi saltati in padella, spinaci appassiti e altro ancora. Gli snack alle alghe, le piccole sfoglie di nori salato e croccante, sono un alimento base nella nostra casa e aggiungono un elemento divertente e sfacciato a questo pasto.

'Involtini di riso per sushi pigri': il riso al forno di McKinnon con nori
‘Involtini di riso per sushi pigri’: il riso al forno di McKinnon con nori Fotografia: in dotazione

servire 4

6 g di hijiki essiccatoimbevuto in 750 ml di acqua calda
900 g di riso bianco o integrale cotto
(da 400 g crudo)
2 cucchiai di aceto di riso
1 cucchiaio di olio di sesamo tostato
1 cucchiaino di sale marino
1 cucchiaino di zucchero bianco
140 g di fagioli edamame a baccello
Olio extravergine di oliva o olio neutro
Kewpie, maionese normale o vegana
Salsa al peperoncino Sriracha
o salsa piccante
furikake
o furikake vegano
4 confezioni di snack di alghe condite arrostite
1 avocado
affettato

Preriscaldare il forno a 230°C.

Scolare l’hijiki in un setaccio fine e sciacquare con acqua fredda. Scolare di nuovo, quindi trasferire in una ciotola capiente. Aggiungere il riso, l’aceto di riso, l’olio di sesamo, il sale marino e lo zucchero e mescolare per unire. Aggiungere i fagioli edamame e piegarli.

Ungere una teglia profonda (circa 43 centimetri per 30 centimetri) con olio e aggiungere il composto di riso, premendolo in modo che si stenda fino agli angoli e ai bordi. Mettere in forno e cuocere per 20-25 minuti, fino a quando non ci saranno alcune macchie dorate sopra il riso. Togliere dal forno.

Se usi la maionese normale, aggiungi un goccio d’acqua (bastano uno o due cucchiaini da tè) per renderla più versabile. Versare o spruzzare la maionese (mi piace il marchio Kewpie il migliore) sul riso a zigzag, quindi fare lo stesso con la salsa al peperoncino sriracha o la salsa piccante. Spargere il furikake su tutta la superficie.

Si serve con gli snack di alghe e avocado a parte. Per mangiare, adagiate una pallina di riso su un foglio di alga, aggiungete una fetta di avocado e arrotolatela.

Pasta di burro bruciato alle alghe

La porta d'ingresso per gli scettici delle alghe: gettata nel burro bruciato per un colpo di umami.
La porta d’ingresso per gli scettici delle alghe: gettata nel burro bruciato per un colpo di umami. Fotografia: in dotazione

Considera questa una ricetta d’ingresso per gli scettici sulle alghe. Dulse, in questa ricetta, è una foglia rossa simile a una lattuga che cresce spontanea sulle coste del Pacifico e dell’Oceano Atlantico settentrionale.

Venduto essiccato, è unico in quanto può essere consumato crudo come spuntino (un consiglio dei miei amici della Nuova Scozia). In padella o abbrustolito assume caratteristiche affumicate e intensamente sapido che ricordano la pancetta.

servire 4

6 g di dulse essiccato
110 g di burro normale non salato
o burro vegano, a temperatura ambiente
½ cucchiaino di sale marino
¼-½ cucchiaino di peperoncino rosso in scaglie
500 g di linguine
o altra cartella di forma lunga
Olio extravergine d’oliva
2 Scalot
o 1 cipolla dorata, affettata finemente
2 spicchi d’aglio
tritato
2 cucchiai di miso bianco (shiro).
sale marino
Una manciata di formaggio piccante grattugiato
per guarnire (facoltativo)
furikake
(o furikake vegano), per servire (facoltativo)

Mettere una piccola padella sul fuoco più basso e aggiungere il dulse. Tostare, mescolando spesso, per 10 minuti, finché non diventa croccante e si sente molto asciutto (attenzione a non bruciarlo).

Metti la dulse in un frullatore o in un robot da cucina e frulla quattro o cinque volte fino a quando non sembrerà delle briciole grosse (puoi anche usare un mortaio e un pestello). Tagliate il burro a pezzetti più piccoli e aggiungetelo alle alghe, insieme al sale e ai fiocchi di peperoncino rosso. Frullare altre quattro o cinque volte fino a quando non si sarà amalgamato: non deve essere completamente liscio.

Portare a bollore una pentola capiente di acqua salata e aggiungere la pasta. Cuocere secondo le istruzioni sulla confezione, fino al dente. Scolare e conservare 250 ml di acqua di cottura della pasta.

Nel frattempo, scaldate una padella capiente a fuoco medio. Irrorare con un cucchiaio di olio d’oliva, aggiungere lo scalogno o la cipolla e cuocere per 8-10 minuti, finché non saranno molto morbidi. Aggiungere l’aglio e cuocere per un minuto, quindi aggiungere il burro di alghe. Il burro schiumerà mentre si scioglie: una volta sciolto, cuoci per due o tre minuti, finché non diventa marrone tostato, con un ricco aroma di nocciola. Unite subito la pasta di miso e mescolate energicamente per unirla al burro (se preferite potete usare una piccola frusta per farlo).

Aggiungere la pasta, insieme a 125 millilitri di acqua di cottura della pasta, e mescolare bene per ricoprire. Se la pasta necessita di un po’ più di umidità, aggiungere un po’ più di acqua di cottura della pasta. Assaggiate e se necessario aggiustate di sale marino.

Completare con il formaggio e il furikake, se lo si desidera. Servire subito.

Insalata tripla

L'ode di McKinnon a un'insalata salata e speziata in un amato locale di Chinatown a Manhattan, pieno di sapore e moderazione.
L’ode di McKinnon a un’insalata salata e speziata in un amato locale di Chinatown a Manhattan, pieno di sapore e moderazione. Fotografia: in dotazione

La vagamente chiamata “tripla insalata” allo Spicy Village, un amato ristorante tascabile a Chinatown, Manhattan, è uno dei miei piatti preferiti in città. È un piatto molto semplice di strisce lunghe e croccanti di alghe, intrecciate con tofu sodo e pezzetti di cetriolo croccanti, condite in un condimento salato e leggermente piccante.

Questa è la mia ode alla tripla insalata: può essere consumata come contorno o con una ciotola di riso o noodles come pasto completo.

servire 4 come lato

olio neutro
400 g di tofu extra duro
tagliate a fette spesse 6–7 mm
Sale marino e pepe bianco
5 g (circa 1 cucchiaio colmo) di wakame
ammollo in acqua per 10 minuti
2 Cetrioli Libanesi (circa 200 g)
affettato in diagonale
1 cucchiaio di semi di sesamo bianco o nero tostati

Per il condimento
1½ cucchiaio di olio di sesamo tostato
3 cucchiaini di aceto di riso
2 cucchiaini di salsa di soia o tamari
½-1 peperoncino rosso lungo
tritato
½ cucchiaino di sale marino

Tenerocuore di Hetty McKinnon
Fotografia: in dotazione

Scaldare una padella ampia a fuoco medio-alto. Aggiungere circa un cucchiaio di olio, quindi aggiungere le fette di tofu in un unico strato (friggere il tofu in lotti se necessario). Condite bene con sale marino e pepe bianco. Friggere il tofu per quattro o cinque minuti, finché non sarà dorato (non deve essere croccante), quindi capovolgere e fare lo stesso dall’altro lato. Togliere dalla padella e lasciare raffreddare. Tagliate a metà le fette di tofu.

Per preparare il condimento, unire tutti gli ingredienti in una ciotola e mescolare.

Scolare il wakame e spremere il liquido in eccesso. Metti il ​​wakame in una ciotola capiente, insieme al cetriolo e al tofu, quindi versa il condimento sopra e mescola per unire. Assaggiare e condire con sale marino e pepe bianco. Si serve condita con i semi di sesamo.

Leave a Comment