Bellissime tavolette alimentari: Salmon Arm Observer

– Parole e ricette Ellie Short Photography Don Denton

Esamina la sua tavolozza: sfumature di bianchi cremosi, rossi tenui, marroni terrosi. Riflette sulla sua tela, uno sfondo bianco in attesa di ornamento. I suoi strumenti sono le sue mani, un coltello, un cucchiaio. È guidata dai suoi sensi; vista, olfatto… gusto. Fa premurosa la sua prima pennellata: un nido d’ape al centro del mogano scuro. Inizia un’esperienza artistica. Si conclude con un lavandino insaponato, pance piene, sorrisi soddisfatti e risate sbiadite in sottofondo.

Per chiunque abbia mai goduto di un tagliere di salumi notevolmente curato, sei stato vittima di un’impresa sensoriale. Hai contemplato la bellezza di ingredienti semplici preparati con cura e precisione. Hai creato le tue creazioni con ogni boccone curiosamente costruito, sovrapponendo sapori e consistenze, creando nuove combinazioni emozionanti e assaporando gli abbinamenti preferiti. Ti sei impegnato nell’analisi comune, nella dissezione culturale per discutere dei gruppi di ingredienti e dei preferiti con i tuoi colleghi gastronomi. Visivamente, esperienziale e, letteralmente, il tagliere di salumi è spesso il fulcro, oltre che il capolavoro della serata.

Tuttavia, essere il creatore dietro lo chef-d’oeuvre è un’altra pratica che aggiunge un delizioso strato di espressione creativa e divertimento fantasioso. Per molti, però, concettualizzare una tavola può sembrare intimidatorio. Dove iniziare? Cosa prendere? Che direzione prendere? Sono le domande comuni e i pensieri naturalmente nervosi di ogni nuovo artista che esplora un mezzo inesplorato.

Abbiamo visto tutti centinaia di dipinti, ma qual è il processo? Quali vernici scegliere? Quale tela comprare? Quale metodo esplorare? Proprio come con tutta l’arte, non esiste un modo giusto o sbagliato per fare un tagliere di salumi. Tuttavia, se stai cercando un po’ di ispirazione per iniziare, quanto segue potrebbe offrire alcune linee guida vaghe con cui giocare, tenendo presente che con tutta l’arte, sia l’espressione che l’interpretazione sono soggettive e le possibilità infinite.

Di cosa avrai bisogno

La tela: Sebbene la maggior parte delle cose tradizionalmente e comunemente fatte di legno, ho visto, curato e apprezzato molti buoni salumi su lastre di pietra, piatti in ceramica e anche un semplice piatto piano.

Il numero di persone che dai da mangiare e gli ingredienti che vorresti mostrare determineranno le dimensioni e la forma spesso dipende dal tema che stai esplorando. Ad esempio, se stai cercando un sontuoso antipasto per una festa in stile fattoria, prova una tavola lunga e stretta, quasi come un runner da tavola commestibile.

La tavolozza: Se sei nuovo nella creazione di salumi e non hai molta familiarità o particolare riguardo alle varietà di formaggi e salumi, ti suggerisco di esplorare semplicemente la gamma di texture. Di solito inizio con un formaggio a pasta molle (brie, camembert, chevre), aggiungo un formaggio medio (gouda, compté, fontina) e poi un formaggio più duro (cheddar stagionato, manchego), oltre a un paté o terrina, della pancetta o prosciutto e un salame tipo genova, felino o bresaola. Dopo di che vengono le creme spalmabili complementari, che possono includere una senape crostata o granulosa, una marmellata di marmellata e miele.

Le basi di tua scelta si prestano bene anche alla varietà materica; pane morbido e gommoso, cracker semi-nocciolati o patatine classiche offrono tutti qualcosa di diverso ad ogni boccone.

Ultimo, ma certamente non meno importante, probabilmente vorrai esplorare alcune gustose guarnizioni, come i classici accompagnamenti di noci, olive, cetriolini e uva. Incoraggio la considerazione fantasiosa qui, tuttavia, e spesso trovo che le mie tavole più eccitanti si svolgano quando includo stuzzichini come funghi marinati, peperoni sottaceto, pomodori secchi e datteri gommosi.

Gli attrezzi: Le tue mani ovviamente sono i tuoi migliori strumenti per l’assemblaggio, ma per goderti la tua creazione, tu e i tuoi ospiti avrete bisogno di alcuni strumenti essenziali.

Sebbene sia senza dubbio impressionante e sicuramente conveniente acquistare utensili particolari per formaggi specifici, i tuoi ospiti saranno probabilmente altrettanto contenti di un piccolo coltello da cucina per tagliare il loro camembert. La cosa più importante è averne abbastanza (anche se stai usando solo coltelli da tavola) e assicurarti di includere i cucchiai per la crema. Può essere dolorosamente tormentoso per i partecipanti sbavanti guardare la taglia davanti a loro senza alcun modo per mettere la merce su un cracker e nelle loro bocche.

Avrai anche bisogno di una piccola ciotola per noccioli di olive, croste di formaggio e qualsiasi altra cosa che i tuoi ospiti potrebbero voler scartare mentre cenano. Un modo infallibile per evocare l’avversione del pubblico è avere buche sputate e scarti mezzo rosicchiati goffamente e imbarazzantemente sparsi per il paesaggio commestibile.

come farlo

Considera lo stile: Minimalista? pop Art? Astratto?

Anche se può sembrare sciocco nominare questi movimenti artistici iconici in una storia sulla costruzione di tavole commestibili, ho scoperto che attingere ad alcuni di questi concetti da un punto di vista puramente superficiale può guidarmi attraverso un tema o ispirare una certa atmosfera. Adoro avere quel focus singolare di una carne da spettacolo, un formaggio avventuroso, una conserva perfetta e una semplice fetta di lievito naturale, per ancorare una diffusione minimalista.

Adoro anche il grande, audace e bellissimo pasticcio, in cui ogni ingrediente si fonde in un altro. Qualunque sia il tuo risultato previsto, inizia lentamente, forse una categoria alla volta, posizionata uniformemente su tutta la scacchiera, e costruisci da lì, sapendo che puoi riorganizzare e reindirizzare in qualsiasi momento se il tuo umore cambia e ti senti improvvisamente ispirato a prenderlo in una direzione diversa.

Regole di terzi: Anche se non ci sono assolutamente regole per fare un tagliere di salumi, quando si costruiscono spalmabili “Instagram-able” / “Pinterest-degno” che sembrano trovare l’equilibrio ideale tra abbondante e traboccante, ma sono comunque ordinati e di buon gusto, lo farò spesso scegli tre varietà dei componenti principali (formaggio, carne e crema spalmabile), disponendoli sul tagliere una categoria alla volta, e poi riempiendo i buchi con gli accessori di noci, olive, frutta, ecc.

Indipendentemente dal fatto che tu metta o meno il pane o i cracker sulla tavola stessa è (come tutto) una decisione personale e può dipendere da considerazioni dietetiche come la sensibilità al glutine. Tuttavia, spesso scelgo una combinazione, aggiungendo dei cracker sul tagliere e pane fresco (con forse un po’ di olio d’oliva e sale marino per intingere) a lato.

Gli ultimi ritocchi: Qualunque sia il tema a cui ti ispiri, gli ingredienti con cui stai lavorando o i concetti che stai esplorando, trovo che alcuni dettagli sembrino trasformare una tavola di base in un capolavoro memorabile. Fiori commestibili, microgreens, una piccola spolverata di qualcosa di speciale: c’è un motivo per cui le guarnizioni sono così popolari quando si placca e si pratica una presentazione artistica. Tieni presente, ovviamente, di non mascherare l’evento principale con decorazioni inutili.

Oltre la carne (e il formaggio)

Anche se ho ampiamente esplorato la classica combinazione di salumi e formaggio, molti cibi si prestano bene a un bellissimo display da tavola. Un piatto vegetariano ispirato all’arcobaleno, una macedonia destrutturata con un tuffo da sogno, un tagliere da dessert divertente e originale con un tema cioccolatoso… Ho persino realizzato un tagliere per pancake fai-da-te che è sempre apprezzato per le riunioni del brunch.

Come per tutta l’arte, non c’è limite a cosa puoi fare e come puoi farlo! Divertiti, creativo e, se ti senti sopraffatto, tieni presente che ciò che mangi è più importante di come viene presentato, e ciò che la gente ricorderà non è necessariamente l’aspetto di tutto, ma come li ha fatti sentire. Ed è proprio di questo che si occupa l’arte.

Confettura di fichi balsamici

Tempo di preparazione: 5 minuti

Tempo di cottura: circa 1 ora

Fa circa 1 tazza di conserva

ingredienti:

6-8 fichi freschi morbidi

2 cucchiai di aceto balsamico

1 cucchiaio di sciroppo d’acero

2 cucchiai di succo d’arancia appena spremuto

1 rametto di rosmarino fresco

Indicazioni:

Mondate i fichi e tagliateli a metà.

Ponetele in una casseruola di media grandezza con tutti gli altri ingredienti, a fuoco medio-basso. Cuocere fino a quando tutto è denso e marmellata, mescolando regolarmente per tutto il tempo, schiacciando i fichi man mano, per 45 minuti a 1 ora. *Nota: se noti che i fichi non si rompono dopo circa 15 minuti, aggiungi più succo d’arancia o anche un goccio d’acqua e mescola bene e schiaccia.

Rimuovere il rametto di rosmarino e gli eventuali aghi di rosmarino grandi e trasferire la marmellata di fichi in un barattolo di vetro sterilizzato e asciutto per l’inscatolamento (lasciando un po’ di spazio in alto prima di sigillare). Oppure, se la consumi più subito, lascia raffreddare la marmellata a temperatura ambiente e conservala in frigorifero per un massimo di tre settimane.

Salsa cremosa di barbabietola arrosto

Tempo di preparazione: 10 minuti

Tempo di cottura: circa 45 minuti

Fa circa 1,5 tazze di salsa

ingredienti

3 barbabietole di media grandezza, sbucciate e tagliate a tocchetti

1 spicchio d’aglio grande, sbucciato e mondato

¼ tazza di olio extravergine di oliva (più ca

-2 cucchiai per arrostire)

¼ tazza di yogurt greco semplice

¼ tazza di feta

Una manciata di aneto fresco

Sale e pepe a piacere

Indicazioni:

Preriscaldare il forno a 400F.

In una terrina di media grandezza, tuffate le barbabietole in un filo d’olio d’oliva e mettetele in una teglia con coperchio (potete anche usare un foglio di alluminio se non avete teglie coperte). gara di forchetta. Lascia raffreddare le barbabietole, quindi uniscile agli altri ingredienti in un frullatore ad alta potenza fino a ottenere un composto liscio e cremoso. Trasferire in un contenitore e conservare in frigorifero per un massimo di una settimana.

Frusta di formaggio cremoso al limone e miele

Tempo di preparazione: 10 minuti

Fa circa 2 tazze di frusta

Ingredienti:

½-¾ tazza di crema di formaggio

2 cucchiai di miele

½ tazza di panna da montare

Scorza di 1 limone di media grandezza

Indicazioni:

Usando uno sbattitore elettrico, sbatti la crema di formaggio e il miele fino a ottenere un composto completamente liscio, raschiando i lati della ciotola man mano che procedi. Versare un quarto della panna da montare nella miscela di formaggio cremoso. Sbattere fino a che liscio. Raschiare lungo i lati e ripetere una seconda volta fino a ottenere un composto denso e spumoso.

Unire la scorza di limone fino a quando non sarà appena integrata. Conservare in frigorifero fino al momento dell’uso. *Nota: se vuoi che la frusta sia più morbida, assicurati di toglierla dal frigorifero per 10-15 minuti e sbattila leggermente prima di servire.

Salsa Di Cioccolato E Mandorle

Tempo di preparazione: 5 minuti

Fa circa 1,5 tazze di salsa

Ingredienti:

½ tazza di gocce di cioccolato fondente

½ tazza di burro di mandorle liscio

½ tazza di panna da montare

2-4 cucchiai di sciroppo d’acero

pizzico di sale

Indicazioni:

In un pentolino a fuoco medio, mescolate il cioccolato, il burro di mandorle e la panna.

Continuate a mescolare finché il cioccolato non sarà completamente sciolto e ben integrato con il burro di mandorle e la panna. Un cucchiaio alla volta, aggiungi lo sciroppo d’acero fino a quando non sei soddisfatto del sapore (questo dipenderà da quanto sono dolci le tue gocce di cioccolato fondente).

Aggiungere un pizzico di sale, mescolare ancora una volta, prima di togliere dal fuoco e trasferire in una ciotola per servire. *Nota: la salsa si addensa man mano che si raffredda.

Storia per gentile concessione di Boulevard Magazine, una pubblicazione di Black Press Media

Metti Mi piace a Boulevard Magazine su Facebook e seguili su Instagram

cibo

Leave a Comment