10 cose che probabilmente non sapevi su Candy Corn

Quando pensi ad Halloween, quali caramelle ti vengono in mente? Per molte persone, è mais caramellato. Nel solo mese di ottobre vengono venduti oltre 35 milioni di libbre di triangoli zuccherini. È una delle caramelle autunnali più iconiche ed esiste da oltre 100 anni. In effetti, il mais candito non è molto più giovane di una delle caramelle più antiche in circolazione: i Necco Wafers.

Adulti e bambini allo stesso modo hanno apprezzato la dolcezza del mais caramellato dalla fine del XIX secolo. Si dice che un uomo di nome George Renninger abbia inventato le caramelle nel 1880. George ha lavorato per la Wunderle Candy Company, che ha iniziato a vendere le caramelle. Alla fine, la ricetta è stata ripresa dalla Goelitz Candy Company (che ora è Jelly Belly Candy Company) e, come si suol dire, è stata fatta una dolce storia.

Lo ami o lo odi, diamo un’occhiata a dieci cose che potresti non sapere su questa classica caramella di Halloween.

Imparentato: 10 prelibatezze più vecchie di quanto pensi

10 La produzione di Candy Corn è stata un duro lavoro

Prima dell’automazione, fare il mais caramellato era un processo molto difficile. La caramella ha tre strati: bianco, arancione e giallo. Gli ingredienti sono stati riscaldati fino a quando non si sono sciolti, quindi il liquido caldo è stato versato nei secchi. I dipendenti dovrebbero camminare con questi secchi pesanti e versare a mano il liquido in stampi a forma di nocciolo. Poiché il mais caramellato è multistrato, i dipendenti dovrebbero ripetere questo processo tre volte.

Era un lavoro così duro che il mais caramellato veniva prodotto solo per diversi mesi all’anno. Ora che il processo è automatizzato, il mais caramellato viene prodotto tutto l’anno.[1]

9 Candy Corn contiene secrezioni di insetti

Il mais caramellato ha ingredienti che tutti ci aspettiamo, come zucchero, sciroppo di mais e aromi artificiali. Ma hai sentito che contiene anche secrezioni di insetti? Il rivestimento liscio all’esterno del mais caramellato è realizzato in resina lacca. Lac-resin è una secrezione di insetti da insetti lac (ma non il vero insetto stesso). Questi parassiti rossi secernono una resina per proteggersi, che viene poi raschiata e utilizzata per conferire al mais caramellato il suo aspetto lucido. Non l’hai notato nell’elenco degli ingredienti perché probabilmente è etichettato come “glassa per pasticceri”.

Non pensarci troppo! La resina lacca è in molte cose, inoltre il consumo di insetti non è così insolito in molti posti nel mondo.[2]

8 Candy Corn ha una varietà di sapori interessanti

Il mais caramellato è meglio conosciuto per il suo dolce sapore di vaniglia e miele. Oltre 100 anni dopo, sono stati introdotti nuovi gusti, alcuni gustosi e altri semplicemente strani.

Ci sono i sapori tradizionali, come S’mores Candy Corn, Harvest Corn e Caramel Apple Corn. Ma se vuoi fare un salto di qualità, ci sono anche gusti davvero insoliti, come Brach’s Tailgate Candy Corn o Thanksgiving Dinner Candy Corn. Il mix del portellone comprende sapori come hot dog, hamburger e popcorn. La cena del Ringraziamento è anche preparata con sapori che non ti aspetteresti, come tacchino, fagiolini, salsa di mirtilli e caffè. Secondo un recensore, il sapore dei fagiolini era “come falciare il prato con la bocca aperta”. Se riesci a gestire i fagioli Bertie Botts di Harry Potter, allora questi aromi di mais caramellato potrebbero fare al caso tuo.[3]

7 Puoi creare il tuo mais caramellato gigante

Gli esseri umani sono sempre stati affascinati dal rendere le cose più grandi e migliori. Ad esempio, la sedia a dondolo più grande del mondo o la padella più grande del mondo. Quindi, perché non provare a fare un pezzo di mais caramellato il più grande possibile? È già stato fatto con la barretta di cioccolato più grande del mondo e il bastoncino di zucchero più grande del mondo. Sorprendentemente, al momento, non ci sono Guinness World Records per il mais caramellato.

Ciò non ha impedito ad alcuni YouTuber di provare! Ci sono video su YouTube con le istruzioni per fare il mais caramellato gigante a casa. Con molto zucchero e pazienza, potresti conquistare il record del mondo e stupire tutti i tuoi amici.

Se suona come uno sforzo eccessivo, Jelly Belly ora offre una versione gigante del loro candy corn per l’acquisto. Questa versione è circa tre volte più grande del loro normale mais caramellato e ha aromi di cioccolato, vaniglia e cannella.[4]

6 Candy Corn ha causato il più grande incendio di una fabbrica di caramelle di sempre

Quindi, il 1950 fu un brutto anno per il mais candito. Il 9 settembre 1950, mentre si preparava per la stagione di Halloween, la pasticceria Goelitz a Midland Park, nel New Jersey, prese fuoco. Uno dei bollitori usati per riscaldare gli ingredienti del mais caramellato ha preso fuoco e ha causato il più grande incendio di una fabbrica di caramelle della storia. Per fortuna, tutti e 12 i lavoratori sono riusciti a uscirne illesi, ma il fuoco ha continuato a bruciare.

La fabbrica era lunga un isolato e i residenti nelle vicinanze hanno dovuto innaffiare le loro case per mantenerle fresche. Ci sono voluti giorni prima che l’incendio fosse finalmente spento. C’erano migliaia di spettatori e la società Goelitz perse 2000 libbre (907 chilogrammi) di mais caramellato quell’anno.[5]

5 I bambini si ammalarono dopo aver consumato Candy Corn nel 1950

Inoltre, durante Halloween nel 1950, i bambini di tutta la contea si ammalavano di diarrea ed eruzioni cutanee. Era Halloween, quindi ovviamente i bambini mangiavano più caramelle del solito. Ma li stava facendo ammalare. Questi sintomi sono stati infine collegati al consumo di Orange Dye No.1.

Nel 1950, il colorante arancione n. 1 è stato utilizzato come colorante alimentare in molti prodotti, come il mais caramellato e persino gli hot dog. colorante arancione n. 1 è considerato un colorante “catrame di carbone” (fondamentalmente deriva da sottoprodotti del carbone lavorato). Contiene anche benzene, che è tossico. Giustamente, questo colorante ha finito per essere rimosso dalla lista della FDA.[6]

4 C’è la birra e la pizza aromatizzate al mais Candy

Spostati sulle spezie di zucca, il mais caramellato è il nuovo arrivato! Da molti anni ormai, numerosi birrifici sperimentano con aromi di mais caramellato. La zucca è sempre un classico, ma è un’idea divertente per sperimentare nuovi sapori di stagione. La Urban Growler Brewing in Minnesota produce la sua Candy Corn Imperial Cream Ale con 65 libbre (29,5 chilogrammi) di roba dolce. E la Mason Jar Brewing Company in California ha chiamato la loro versione Candy Cornholio. Mais caramellato, più birra, perché no?

Il mais caramellato nella birra potrebbe suonare eccellente per alcuni, ma il mais caramellato sulla pizza? Nel 2017, un utente di Twitter ha deciso di cuocere la pizza con un condimento aggiuntivo: il mais caramellato. Dopo averla pubblicata online, la colorata pizza al mais candito è diventata virale e ha acceso un dibattito ancora più vivace dell’ananas sulla pizza. Diversi chef, tra cui Giada De Laurentiis e Curtis Stone, lo hanno persino provato sul Spettacolo di oggi. Nel complesso, il consenso era che il mais caramellato lo fa sicuramente NON appartengono alla pizza. E il 99% degli chef dilettanti sarebbe d’accordo. Lasciamo quella tendenza virale nel 2017.[7]

3 La generazione X ama di più il Candy Corn

La generazione X è qualsiasi persona nata tra il 1965 e il 1980. A quanto pare, questa generazione ama il mais caramellato più di ogni altra, sebbene sia una razza affiatata. Nel 2020, la National Confectioner’s Association ha riferito che il 58% dei Gen X’ers ​​si gode le caramelle. Subito dietro di loro ci sono i Baby Boomers al 56%.

È stato anche riferito che la California è lo stato che acquista la maggior parte del mais caramellato. Quindi, se sei un Gen X’er dalla California? È molto probabile che questo sia il tuo regalo preferito di Halloween.[8]

Due Il mais caramellato è stato fritto

Per coloro a cui non piace il mais caramellato, forse lo vorresti avvolto meglio in pasta a mezzaluna e fritto. Tutto il resto viene fritto (Twinkie fritto, chiunque?), Quindi è ragionevole che lo faccia anche il mais caramellato. Ma è disponibile solo alla fiera di stato? No. In effetti, ci sono un sacco di ricette da provare a casa. Alcuni usano l’impasto a mezzaluna; altri usano il mix per pancake Bisquick o Funfetti.

La creatrice originale è Amy Erickson, che scrive il blog Oh, Bite It. Ha deciso di creare il dolcetto appiccicoso, zuccherato e fritto perché aveva una pletora di mais caramellato avanzato. Come per qualsiasi cosa relativa al mais caramellato, le reazioni sono state divise. A seconda di chi chiedi, potrebbe essere la cosa migliore in assoluto… o un passo troppo avanti.[9]

1 Candy Corn non è sempre stato associato ad Halloween

Questa caramella di Halloween per eccellenza non è stata effettivamente creata con quell’intento. Prima che fosse conosciuto come candy corn, era chiamato “Chicken Feed” e venduto come penny candy. Oltre 130 anni fa, gran parte della popolazione era rurale e lavorava nell’agricoltura. Per commercializzare questa fascia demografica, le caramelle sembravano zucche, rape e mais. Lo sapevi che se accatasti il ​​mais candito, sembra pannocchie?

Prima che avessimo l’aiuto delle macchine, il mais caramellato veniva prodotto solo diversi mesi all’anno, in genere in autunno. Fu solo dopo la seconda guerra mondiale che il mais caramellato divenne davvero noto come uno dei preferiti di Halloween. Le razioni di zucchero furono terminate dopo la guerra e il dolcetto o scherzetto divenne un grosso problema. A quel punto, il mais caramellato era preconfezionato, rendendolo facile da distribuire. Inoltre, guardalo: i suoi colori di bianco, giallo e arancione gli conferiscono un tocco festivo di Halloween.

Oggi, il mais caramellato è una delle caramelle di Halloween più popolari. Lo ami o lo odi, è uno dei preferiti che è qui per restare! [10]

Leave a Comment